La Calabria ed il blocco dei licenziamenti: la riflessione di Felice Caristo

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images La Calabria ed il blocco dei licenziamenti: la riflessione di Felice Caristo
Felice Caristo
  17 febbraio 2021 09:50

di FELICE CARISTO

"L’ultimo Rapporto della SVIMEZ, registra un 2020  veramente strano per la Calabria, con un crollo dell’occupazione che si è avuto tra marzo e giugno, con l’estate caratterizzata da una ripresa e l’autunno con un allentamento, questa curva altalenante assume proporzioni diversificate tra Province in alcune più marcate soprattutto Vibo Valentia e Cosenza, altre meno gravi., con una tenuta dei livelli occupazionali.

Banner

Il dilemma da sfatare dipende essenzialmente dall’estensione del blocco dei licenziamenti, che ha garantito da un’ecatombe sociale oltre che sanitaria.

Banner

Il 31 Marzo diventa una data spartiacque a causa dello sblocco dei licenziamenti, specie nei settori cosiddetti Vulnerabili, come servizi, turismo, commercio dove si concentra la maggior parte dell’occupazione.

Banner

Il mercato del lavoro si è rivelato particolarmente critico per l’occupazione femminile soprattutto gli over 35, accentuando diseguaglianze tra classi sociali,ma anche di genere e generazionali.

In Calabria l’intervento pubblico nell’economia e lo sblocco delle opere pubbliche rappresentano la leva essenziale per incrementare l’occupazione.

Nella prospettiva del Piano Next Generation Ue , Bisogna in Calabria allargare al Protagonismo delle Università degli Enti Locali e delle strutture amministrative, che operano sul mercato del lavoro, delle associazioni sindacali e di categoria, ma anche sulle associazioni di ‘cittadinanza attiva’, che svolgono un ruolo propulsivo.

Fondamentale il ruolo dell’Università e più in generale della ‘Società Civile’ bisogna tra di loro incentivare iniziative dal Basso,ribaltare le peggiori prassi, che hanno prodotto occupazione fittizia, precarietà diffusa, che svanisce quando l’opera pubblica è terminata, che serve soltanto ad illudere le Comunità ed a concentrare le ricchezze.

Bisogna puntare ad uno sviluppo Civile dei territori, attraverso una riconversione ecologica, che attui quelle riforme ormai indifferibili e non più dannose per territori che hanno in alcuni settori una naturale Vocazione di crescita. Il Recovery fund può farci vincere la battaglia contro i nostri mali antichi".

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner