Nel centro di Catanzaro con Evo 50 tutti pazzi per il food delivery (VIDEO)

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Nel centro di Catanzaro con Evo 50 tutti pazzi per il food delivery (VIDEO)
L'amministratore Roberto Biamonte con i soci e lo staff di Evo 50 nel locale di Catanzaro
  04 dicembre 2020 00:23

di GIOVANNA BERGANTIN  

Abbiamo da poco cambiato colore, dal rosso siamo passati all’arancione.  Calabria zona arancione: ma cosa significa? Più o meno lockdown, anche se a tutti pesa sentire questa parola. Intanto, sembra che la nuova posizione condizioni ancora le più elementari relazioni sociali, le decisioni, i ritmi, ma si sa, prima di tutto vengono le vite umane. Per dirla con un antico brocardo “dura lex, sed lex”. Perciò, almeno fino a quando l’asticella del bollettino giornaliero da Coronavirus con i suoi numeri su contagi, ricoveri e decessi non scende verso il basso allentando la presa di paura e dolore, saremo prudenti, solerti e attenti alle regole prescritte.

Banner

Ma siamo proprio sicuri che sotto covid tutto è vietato? In verità, ci sentiamo profondamente cambiati. Abbiamo scoperto che questa pandemia ha trasformato le nostre abitudini, il nostro modo di vivere e lo stare con gli altri, ma ci ha anche insegnato che i cambiamenti repentini sono ricchi di inaspettate opportunità. Molte cose non sono già più come una volta. In testa a tutti, per risolvere i problemi della distanza di sicurezza, c’è l’utilizzo delle tecnologie e il ricorso all’e-commerce che, con milioni di click in epoca pandemica, ha registrato un vero boom.

Banner

Anche nel food, lasciati i metodi tradizionali, ci siamo abituati ad ordinare online colazione, pranzo e cena. Il food delivery, ovvero la consegna a domicilio di pasti di varie cucine, offre la possibilità di ordinare il pranzo da qualsiasi device connesso tramite un’app o un sito e di ricevere tutto pronto a casa nel tempo di un click. Se si guardano i numeri del rapporto annuale italiano dell’Osservatorio di Just Eat, l’app leader negli ordini on line del food, si scopre qualcosa di più interessante. Primo fra tutto, la continua crescita del fenomeno, in incremento rispetto al 2019, soprattutto nelle province e nelle grandi città, grazie ad un aumento di domanda e offerta. Crescono, inoltre, i pagamenti digitali e alcune specialità che segnano i giorni di lockdown, i menù per la famiglia e i bambini,  i kit compleanno con dolci ed il gelato.

Se  nella crescita del mercato del cibo a domicilio on line troviamo al secondo posto Catanzaro e al quinto Cosenza,  il record italiano dei maxi ordini lo detiene Reggio Calabria con la richiesta, in un colpo solo, di 100 birre a domicilio. La ricerca, condotta da Just Eat, rivela inoltre che Cosenza, con  una crescita del 106 %,  è al quarto posto per numero di ristoranti che hanno scelto il digital food delivery e che tra i piatti più richiesti, dopo la pizza, si posizionano hamburger, giapponese e pinsa, mentre nel top degli ordini regna sovrano il gelato(+600 %).  Il metodo non cambia a Catanzaro, nostra tappa del food delivery. Sarà impossibile non trovare almeno un piatto adatto a soddisfare i propri gusti nella carta presentata on line da EVO 50, ristorante nel centro di Catanzaro. “Abbiamo inaugurato i locali da appena un mese e in questo momento siamo presenti sulle maggiori piattaforme del food - spiega Emilio, uno dei soci di Evo 50 – Le preferenze negli ordini vanno alla pizza e alla rosticceria, anche se non mancano richieste di piatti di cucina nazionale. In genere, i più attivi sono giovani e professionisti, gli ordini vengono soprattutto da coppie e famiglie. Visto il momento, non ci lamentiamo, anche se aspettiamo tempi migliori per accogliere i clienti nelle ampie sale del nostro ristorante”.  

Nel ristorante, in versione distanziamento, è valida la proposta a domicilio che lascia spazio a quelli che sono i food trend del momento e che non perde il suo carattere cordiale e spensierato attraverso il sorriso e la cortesia dei soci e dello staff con l’amministratore Roberto Biamonte, sempre disponibili. Nel menù, difficile scegliere fra il polpo arrostito, crema di zucca, cialda di parmigiano reggiano e cipolla caramellata di Tropea anche nella versione senza glutine o fra la tagliata di tonno fresco al miele e mandorle, rucola e pomodori confit. Ricette creative i cui ingredienti rivelano una unione alchemica tra sapori e tecniche calabresi e napoletani. Imperdibili il kit per bambini e gli spaghettoni di gambero bianco, stracciatella e pistacchio di Bronte da gustare a casa con la possibilità di scegliere un finale in gloria che prevede cheesecake alla nutella, al pistacchio o ai frutti di bosco. Chi vuole, può accompagnarli con birre o vini e persino bollicine. Ma nell’offerta delivery e d’asporto di ‘Evo 50’ ci sono anche, speciali bun e persino fritti, crocchette e pizze gourmet.  Da provare?  Scilatelle alla genovese. Io ho cliccato l’ordine, e voi?

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner