Buone speranze per gli idonei della sanità. Saverio Cotticelli (commissario ad Acta) disposto allo sblocco della procedura per l’assunzione

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Buone speranze per gli idonei della sanità. Saverio Cotticelli (commissario ad Acta) disposto allo sblocco della procedura per l’assunzione
La protesta degli idonei alla Cittadella regionale
  26 maggio 2020 18:36

di FRANCESCO IULIANO

«Ci sono circa 350 milioni disponibili per la sanità calabrese. Soldi che serviranno anche per stabilizzare tutti i lavoratori inseriti nelle graduatorie ed anche i precari. La buona volontà da parte della Regione Calabria c’è. Da ora in avanti dobbiamo solo seguire passo dopo passo quello che decideranno i vari commissari delle province calabresi e non lasciare nulla di intentato».

Lo ha detto il rappresentante del Si Cobas, Carlo Ghione al termine dell’incontro avuto questa mattina negli uffici regionali con il commissario ad acta Saverio Cotticelli insieme ai rappresentanti delle categorie dei lavoratori.

«Un tavolo tecnico a più voci – ha aggiunto Ghione -  in cui abbiamo constatato la disponibilità del commissario Cotticelli che ci ha raccomandato di avvisarlo se, in questo periodo, veniamo a conoscenza di eventuali bandi e/o avvisi per stabilizzare precari. La volontà della Regione è dunque quella di far scorrere le graduatorie. Gia domani ci sarà un incontro tra il dirigente Antonio Mantella di Catanzaro e lo stresso Cotticelli in cui si potrebbe decidere di assumere un numero di 70 operatori socio sanitari».

Ghione ha anche  riferito che il commissario ad acta regionale ha informato i commissari delle varie province calabresi, di quelle che sono le intenzioni dell’ufficio regionale.  Nel  particolare Ghione  ha detto che sia l’Azienda di Reggio Calabria che quella di Cosenza, dovranno essere le prime ad essere attivate per lo scorrimento delle graduatorie perché sono quelle che più di altre hanno più pressione per il numero di unità presenti.

Una procedura che se attivata, potrebbe sbloccare le assunzioni dei circa 1000 operatori sanitarie delle graduatorie e dei precari.