Coronavirus. Il promoter Pegna si appella alla Santelli: "Difficoltà anche in questo settore"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Coronavirus. Il promoter Pegna si appella alla Santelli: "Difficoltà anche in questo settore"
Ruggero Pegna
  26 marzo 2020 13:36

Tra i settori a risentire maggiormente delle conseguenze prodotte dal “coronavirus” anche in Calabria c’è certamente quello dell’organizzazione e produzione di eventi musicali e di spettacolo dal vivo. A indirizzare un appello alla Presidente Jole Santelli è il promoter Ruggero Pegna, figura storica calabrese del settore, tra i soci-fondatori di Assomusica, di cui è stato tre volte dirigente nazionale e membro  della Consulta Ministeriale dello Spettacolo dal 2012 al 2016. A lui si devono i più grandi eventi internazionali organizzati in Calabria e numerosi festival originali, oltre a vari programmi televisivi, come il concerto di Elton John in Omaggio a Gianni Versace a Reggio, l’indimenticabile Sera dei Miracoli al Porto di Gioia Tauro, la Notte degli Angeli dedicata a Natuzza Evolo trasmessa da Rai International in tutto il mondo e centinaia di altri.

“Illustre Presidente, consapevole della priorità che in questo momento ha la salute dei calabresi e del suo apprezzatissimo impegno alla tutela e a garanzia di quanto necessario per la prevenzione e la cura del virus in questa regione, per il quale come cittadino le esprimo grande riconoscenza, da produttore di eventi culturali e di spettacolo in Calabria mi tocca riportarle l’eccezionale difficoltà di questo settore, anche in una visione di superamento non immediato della gravissima crisi prodotta".

"Come lei ben sa, - prosegue - avendo sempre dimostrato eccezionale sensibilità per la Cultura nei suoi precedenti ruoli istituzionali, questo è un settore importantissimo per la Calabria in ragione delle sue molteplici ricadute: culturali, promozionali, turistiche, economiche e occupazionali, interessando migliaia di figure professionali soprattutto giovani e un enorme indotto, con numerosissime attività coinvolte in modo diretto e indiretto".

"Negli ultimi anni la Regione Calabria ha finanziato centinaia di eventi di varia tipologia, - ancora Pegna - attraverso vari bandi rivolti in particolare alla valorizzazione dei beni culturali e al potenziamento dell’offerta culturale. Tale sforzo economico a vantaggio di moltissime realtà del territorio calabrese ha prodotto, però, un sovraccarico di lavoro per gli uffici preposti alle verifiche delle rendicontazioni, propeduetiche al saldo dei contributi, ulteriormente aggravato dalla situazione in corso. Purtroppo, i mancati pagamenti derivanti rischiano di far sparire una delle più preziose realtà di questa regione, costituita da imprese, associazioni e fondazioni culturali".

"E’ un rischio che la Calabria non può permettersi. Allo scopo di evitare questo autentico disastro, è necessario che si proceda con urgenza al pagamento dei contributi di ogni progetto completato e rendicontato, anche sulla base di semplici autodichiarazioni e/o polizze fidejussorie, consentendo agli uffici di espletare poi la parte burocratica nei tempi che saranno loro necessari. Peraltro, se piuttosto di pagamento a rendicontazione, si fosse proceduto o si procedesse in futuro con il metodo della fatturazione per prodotto fornito e verificato, si sarebbe evitato quello che ritengo un inutile sovraccarico di mera burocrazia per i competenti uffici regionali". Prosegue Pegna.

"Oltre a ciò, - si legge ancora sulla nota di Pegna  - che sarebbe soluzione di sicuro buon senso, trattandosi di eventi comunque portati a termine e rendicontati, si rende necessaria l’immediata attivazione di ogni procedura per la realizzazione dei “progetti storicizzati”, già così riconosciuti, per l’anno in corso e i prossimi, possibilmente con la formula triennale già sperimentata con successo e con incremento delle risorse per ciascun progetto. Ultimo aspetto riguarda la graduatoria definitiva dell’ultimo bando 2019 per “eventi storicizzati”. Per le stesse ragioni, è necessario che si possa procedere urgentemente alla firma delle convenzioni e al pagamento degli acconti previsti".

"Sono certo dell’attenzione che darà a quanto esposto, - conclude - nell’interesse di un comparto che esprime creatività e professionalità ai massimi livelli nazionali, autentico patrimonio e strumento di valorizzazione della nostra Calabria. Con l’occasione, formulo a lei e alla sua giunta i migliori auguri, certo di interpretare il desiderio di tutto il settore, sempre disponibile a partecipare ad un eventuale tavolo di discussione per i relativi temi generali  e della specifica emergenza.”.