Coronavirus. Tamponi antigenici rapidi al Centro Sanitario Unical

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Coronavirus. Tamponi antigenici rapidi al Centro Sanitario Unical

Lo screening sarà eseguito gratuitamente sul personale dell’ateneo che entra a contatto nel campus con soggetti positivi. Il servizio potrà anche essere richiesto a costo ridotto da tutti i membri della comunità universitaria

  20 novembre 2020 15:59

Presso il Centro Sanitario dell’Università della Calabria, diretto dal professor Sebastiano Andò, saranno eseguiti, gratuitamente, i tamponi rapidi antigenici su personale, docenti, ricercatori, assegnisti e dottorandi che, nello svolgimento di attività in ateneo, dovessero entrare a contatto con un soggetto positivo. Allo stesso modo potranno sottoporsi al test, in caso di contatto con un positivo in ateneo, anche gli studenti impegnati in questo momento in attività didattiche nel campus o residenti negli alloggi universitari. Il tampone rapido sarà eseguito gratuitamente, inoltre, anche sui tirocinanti di Scienze della formazione primaria: per accedere a scuola, nel caso di ripresa delle attività in presenza, dovranno infatti fornire agli istituti il risultato del tampone.

Con questa iniziativa l’ateneo vuole contribuire alle attività di tracciamento dei contagi da Covid-19, in costante aumento in regione, e aiutare il sistema sanitario regionale a contrastarne l’aumento. La procedura del test si avvale della tecnica di immunocromatografia a flusso laterale e presenta standard molto elevati di specificità (99,9%) e sensibilità (97,6%), se comparato alla metodica PCR (test molecolare), fornendo una risposta tempestiva – nell’arco già di 10 minuti – sullo stato di salute dei pazienti, in modo da accelerare le misure di isolamento precauzionale.

I tamponi rapidi saranno eseguiti dal personale del Centro Sanitario presso il cubo 34B (l’ingresso per il percorso Covid è dal lato del ponte pedonale, accedendo dalla scala di servizio). Sarà la referente Covid dell’Unical, la professoressa Sandra Costanzo, a individuare i soggetti a rischio, a seguito di attività di ‘contact tracing’, e a programmare l’esecuzione dei test.

Il servizio sarà messo a disposizione, a un prezzo calmierato di 20 euro, anche di tutti i membri della comunità accademica che, a titolo personale, volessero farne richiesta. In questo caso sarà necessaria la prenotazione: è in corso l’allestimento della piattaforma web.