"Il Paese non può aspettare: non si giustificano faziosità e personalismo, espressioni di una distorta interpretazione della Politica"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images "Il Paese non può aspettare: non si giustificano faziosità e personalismo, espressioni di una distorta interpretazione della Politica"
Il dottor Saverio Palermo
  03 ottobre 2020 15:25

E’ nella storia che un popolo in ogni momento di particolare crisi e necessità si sia rivolto  ad Entità Individuali  cui affidare la responsabilità di governo  e superare, con decisionalità scevre  da condizionamenti  , limiti impacci burocratici,  le particolari avversità del momento.

Certamente irripetibili e ingiustificate  nella nostra attuale  Società , ancora modello di Democrazia ,siffatte misure che  hanno spesso portato ad un superamento delle libertà ed  indotto tragedie infinite.

E proprio nel nome di questa libertà e liberalità che le Istituzioni elette a difenderle e rappresentarle dovrebbero rispondere al mandato loro attribuito ponendo come primo interesse delle loro azioni il bene e l’interesse comune .

 Certo i partiti di maggioranza governano e l’opposizione si oppone,  a tutto e comunque.

Ma non si giustificano faziosità e personalismo, espressioni  di una distorta interpretazione della Politica, proprio in un momento di crisi cosi grave, quando più grande è la necessità  di unità e di un’ efficace gestione del Paese.

Niente di impossibile. Superate le sterili ideologie,  ora gli obbiettivi appaiono comuni :  eguaglianza  e sostegno sociale,  rilancio delle attività e del lavoro,  Sanità, Scuola.  Ma il Governo, che pure ha dimostrato capacità nel gestire  il problema sanitario in un momento di disordine ed incertezza totale, si dimostra ora vulnerabile e lento nel  mettere in atto una programmazione  che sfrutti  l’opportunità   offerta   dalla messa in campo di  così ingenti risorse economiche.

 C’è bisogno di sano confronto tra tutte le forze sociali, c’è bisogno di una oculata  programmazione, c’è bisogno  di una condivisione delle azioni, mediata , senza blocchi  per stereotipate e preconcette posizioni. E’ necessario  che presto  e bene  il Paese superi  lo spettro del fallimento.

Certo è al Governo ed  alla Maggioranza che lo sostiene che spetta   il compito di dare il via a questo processo  ,  senza arrogante ed autoreferenziale  gestione del potere,ma con una moderazione e  coinvolgimento di ogni forza  politica  e sociale  che permettano  una  costruttiva sintesi di indirizzo. Tanto più rapida quanto più condivisa ,tanto più efficace  quanto più aperta  nel raccogliere  contributi.

Compito tutt’altro che facile nel nostro panorama politico ! Ma è questo che ci si aspetta da un Leadership  responsabile ed intelligente . Questo è ciò che tutti i cittadini chiedono. Questo è tutto ciò che serve. 

Saverio Palermo,                                                                                                                                                           già direttore del Dipartimento dei Servizi presso l’Azienda Ospedaliera  “Pugliese-Ciaccio” di Catanzaro