La scuola che verrà/Il dibattito. Gli studenti delle seconde dell’IC Montalto Uffugo Taverna "disegnano" la ripartenza: "Deve fare entrare il cielo"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images La scuola che verrà/Il dibattito.  Gli studenti delle seconde dell’IC Montalto Uffugo Taverna "disegnano" la ripartenza: "Deve fare entrare il cielo"
La scuola che verrà. Una proposta degli alunni dell' IC di Montalto Uffugo-Taverna Cosenza
  22 maggio 2020 14:53

LA SCUOLA CHE VERRA’: DEVE FAR ENTRARE IL CIELO.

Gli alunni delle seconde classi di primo grado dell’IC Montalto Uffugo- Taverna in prov. di Cosenza  in un tabellone immaginano la scuola post pandemica con  spazi relax per l’attività motoria, la lettura e per navigare. Spazio alla musica, all’arte e al giardinaggio. C’è pure l’acquario.

GLI ALUNNI SI INTERROGANO PER RIDISEGNARE LA  RIPARTENZA.

di Francesca Anili

Le seconde dell’IC Montalto Uffugo Taverna durante un contest di disegno, hanno affrontato con ampia libertà di mezzi e tecniche espressive il tema della ripartenza. Un occasione per alunni ed alunne di riflettere, di rappresentare le  loro aspettative nei confronti della scuola dopo il lockdown. La scuola disegnata dagli alunni è una scuola sociale, collaborativa, dove i nuovi strumenti informatici scoperti o implementati con la didattica a distanza convivono con l’esigenza di socialità. E’ una scuola attenta alla natura, che in questo periodo hanno imparato ad ascoltare con più attenzione, in cui sono presenti delle aree per il giardinaggio e perfino un acquario. E’ una scuola flessibile ed articolata, per l’idea di creare degli spazi esterni ed ombreggiati così da consentire l’eventuale distanziamento e collocare attività sportive e laboratoriali. E’ una scuola in costante cambiamento, per l’ipotesi di personalizzare le pareti con dei murales sui pannelli e per la possibilità di adattare l’area esterna alle diverse condizioni climatiche. La “scuola che verrà”, per gli alunni dell’IC Montalto Uffugo – Taverna, è una scuola in cui ritrovarsi presto, perché, come sintetizzato nello slogan di uno dei giovani autori “Viva la scuola quando è in compagnia!”.