'Ndrangheta. "Malapianta-Infectio", i fascicoli tornano a Catanzaro: 64 in abbreviato, 32 in ordinario (I NOMI)

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images 'Ndrangheta. "Malapianta-Infectio", i fascicoli tornano a Catanzaro: 64 in abbreviato, 32 in ordinario (I NOMI)
Il Tribunale di Catanzaro

I pubblici ministeri hanno chiesto di mandare a processo tutti i 32 dell'ordinario

  07 luglio 2020 13:15

di EDOARDO CORASANITI

Dura poche udienza la trasferta romana del procedimento in udienza preliminare scaturito dalle operazioni anti 'ndrangheta "Malapianta” (scattata a maggio 2019 e che ha portato all’esecuzione di 35 provvedimenti di fermo) e “Infectio” (23 misure cautelari a dicembre 2019). Oggi sono stati definite le posizioni di chi continua il processo con il rito ordinario e chi invece opta per il rito abbreviato: 32 fanno parte del primo elenco, 64 del secondo (seppur 7 con abbreviato condizionato). Ieri invece c'è stato l'accoglimento delle parti civili e la richiesta di risarcimento danni da parte di Giovanni Notarianni, difeso dall'avvocato Michele Gigliotti (LEGGI QUI).

In ogni caso, entrambi i filoni tornano nel capoluogo di regione calabrese, da dove tutto è partito e da dove gli inquirenti della Dda hanno mossi i primi passi: la Procura di Catanzaro, guidata da Nicola Gratteri

Ora il calendario si organizza così: dopo che i pubblici ministeri Paolo Sirleo, Antonio De Bernardo, Domenico Guarascio e Andrea Giuseppe Buzzelli hanno chiesto di mandare a processo tutti i 32 all'ordinario, continuano le arringhe degli avvocati e il giudice dell'udienza preliminare ha fissato il ritorno a Catanzaro. Dunque, il 17 luglio il decreto che dispone il giudizio o la sentenza di non luogo a procedere verrà letta nell'aula bunker di via Paglia, nel capoluogo. 

Il 18 settembre invece il microfono dell'aula bunker si accenderà per gli imputati dell'abbreviato. Inoltre, verrà ascoltata anche Rosina Levato, ammessa al rito alternativo condizionato. 

L'INDAGINE: Le accuse nei confronti dei fermati sono, a vario titolo, quelle di associazione di stampo mafioso, traffico di droga, estorsione, usura, porto illegale di armi e intestazione fittizia di beni, esercizio abusivo di attività finanziaria, riciclaggio, reimpiego di capitali di provenienza illecita, corruzione, favoreggiamento di latitanti, coercizione elettorale. 

GIUDIZIO Ordinario:

Benincasa Alberto
Benincasa Giuseppe
Bevilacqua Antonella
Bevilacqua Domenico
Cicerone Mario
Danieli Valentina
De Franco Antonio
De Latte Cinzia
Di Macco Ciro
Diano Salvatore
Falcone Francesco
Fusari Roberto
Giacchetta Piero
Giappichini Luigi
Lombardi Lamberto
Mancuso Trabucco Luca
Manetta Armando
Manetta Nicola
Mannolo Alfonso
Mannolo Pasquale
Mannolo Remo
Menicucci Paolo
Montenero Giuseppe
Profiti Annunziato
Radu Ramona Miruna
Ribecco Antonio
Rizzuti Giovanni
Russo Pietro
Sabieraj Jerzy Aleksander
Passalacqua Leonardo
Vittimberga Ferraro Giuseppe

GIUDIZIO ABBREVIATO SECCO:


Affatato Giuseppe
Arapi Sherif
Barbaro Antonio
Basile Domenico
Bevilacqua Antonio
Bevilacqua Leonardo
Caputo Alessandro
Cardillo Assunta
Castagnino Giacinto
Cirillo Concetta
Costantino Antonio
Costantino Giuseppe
Crugliano Salvatore
Cutrì Mario
De Bonis Mario
Falcone Mario
Forin Sandro
Gafitescu Florin Dumitru
Germini Ambra
Gentile Pasquale
 Iannone Antonio
Iannone Caterina
Lobello Francesco
Manetta Cosimo
Mannolo Daniela
Mannolo Dante, 1968
Mannolo Dante, 1979
Mannolo Giuseppe
Mannolo Fabio
Mannolo Luca
Mannolo Mario
Mazzeo Vincenzo Antonio
Mercurio Antonio
Nardoni Walter
Passalacqua Antonella
Passalacqua Elio
Passalacqua Francesco
Pignanelli Luigi
Perini Alessandro
Perri Nicola
Procopio Antonio
Procopio Francesco
Procopio Gregorio
Profiti Pasquale Nicola
Raso Luigi
Regni Emiliano
Ribecco Francesco
Ribecco Domenico
Ribecco Natale
Scerbo Pietro
Taverna Roberto
Tiburzi Renzo
Valentini Francesco
Verrico Olindo
Zoffreo Fiore
Zoffreo Leonardo
Mannolo Pasquale

Giudizio Abbreviato condizionato
Cali Ilirjan
Caterisano Antonio
Conti Fabrizio
Diakhate Bassirou
Levato Rosina
Passeri Sauro
Scerbo Pietruccia

Il collegio degli avvocati della difesa è composto da:
Aldo Casalinuovo, Donatella Panzarola, Antonio Recupero, Nicola Cantafora Antonio Cozza, Mario Nigro, Mario Patro, Lucio Canzoniere, Giuseppe Di Renzo, Gaetano del Sole, Tiziano Saporito, Luigi Colacino, Luigi Falcone, Giuseppe Salivetto, Giovanni Scarpino, Tiziana Paletta, Alessandro Bavaro, Vincenzo Nobile, Marco Cordelli, Gabriele Corona, Francesco Calabrò, Vincenzo Ioppoli, Francesco Calzone, Pietro Pitari, Giuseppe Fonte, Maria Raffaella Talotta, Vittorio Ranieri, Marco Dordelli, Salvatore Iannone, Rita Urbani, Frank Mario Santacroce, Chiara Penna, Vincenzo Cicino, Fabrizio Salviati, Massimiliano Carnovalle, Giuseppe Carvelli, Lorenzo Manfro, Francesco Verri, Maria Claudia Conidi, Gregorio Viscomi, Paolo Carnuccio, Giuseppe Bagnato, Salvatore Fortunato Giordano, Giuseppe Mercurio, Aldo Truncé, Elisabetta Gualtieri, Saschia Soli, Pietro Funaro, , Piero Mancuso,