Operazione “Acquamala”: il pm vuole mandare tutti a processo. Scarcerato Giovanni Passalacqua

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Operazione “Acquamala”: il pm vuole mandare tutti a processo. Scarcerato Giovanni Passalacqua
Il Tribunale di Catanzaro
  29 giugno 2020 14:00

La Procura della Repubblica di Catanzaro ha chiesto il rinvio a giudizio per tutti gli indagati dell'operazione "Acquamala", l'indagine nei confronti di 57 indagati, ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti con attività di spaccio anche nei pressi di scuole e con il coinvolgimento di minori. 

Il nome dell'operazione richiama il quartiere “Acquabona” di Crotone dove risiede una buona parte delle persone (di etnia rom) coinvolte nell’indagine  scattata ad ottobre 2019. Gli inquirenti ritengono di aver svelato un ingente traffico di droga, che riporta alla ribalta gli affari con i rom di Catanzaro. 

L’inchiesta dei carabinieri ha consentito di ricostruire gli assetti organizzativi della compagine criminale e nel corso de blitz è stato sequestrato anche un “libro mastro” in cui erano minuziosamente annotati i rapporti di credito/debito dell’organizzazione con i fornitori e con gli acquirenti delle sostanze stupefacenti.

Durante l'udienza di oggi, il pubblico ministero Paolo Sirleo ha chiesto il processo per tutti gli indagati, in attesa della definizione sulle richieste per il rito abbreviato. Il giudice deciderà su rinvio a giudizio e sull'accoglimento dei riti alternativi il prossimo 17 luglio.

Intanto sono stati revocati gli arresti domiciliari a Giovanni Passalacqua, 55 anni, Alias “Gigliotti”. Accolta dunque la richiesta dell'avvocato difensore, Anselmo Mancuso, alla quale si è associata la collega Elisabetta Gualtieri, da parte del giudice dell’indagine preliminare, Barbara Saccà. 

Tutti gli indagati nel blitz di ottobre denominata "Acquamala":


Abbruzzese Antonio, Catanzaro cl.73; Abbruzzese Carmelina, Catanzaro cl.85; Abbruzzese Cosimino (detto tubo), Sellia Marina (CZ) cl.55; Abbruzzese Maurizio (detto gambero), Catanzaro cl. 86; Algieri Massimo, Castellamonte (TO) cl. 78; Amato Damiano (detto sofficino), Crotone cl. 92; Berlingieri Antonio, Crotone cl.92; Bevilacqua Antonio (detto Annibale), Crotone cl.83; Bevilacqua Antonio, Suzzara (MN) cl.94 Bevilacqua Armando (detto bacco), Crotone cl.1989; Bevilacqua Cosimo (detto  Cocò e Muto), Crotone cl 85; Bevilacqua Damiano (detto banana), Crotone cl.75; Bevilacqua Francesco (detto faccia di pizza), Crotone cl.89; Bevilacqua Francesco (detto Pippo e Franco), Crotone cl. 69;: Bevilacqua Leonardo (detto occhi di gatto e Nanà), Crotone cl. 83; Bevilacqua Rosetta, Crotone cl.76; Carelli Alberto (detto Roberto), Crotone cl. 56; Crugliano Pasquale (detto Lino), Crotone cl.83; Franco Edda, Crotone cl.87; Gualtieri Riccardo, Crotone cl.69; Laforgia Francesco, Crotone cl.80; Luccisano Domenico (detto Mimmo), Taurianova (RC) cl.78; Maida Domenico (detto Nico), Catanzaro cl.68; Manetta Antonio (detto chificio), Crotone cl.85; Manetta Antonio (detto nanetto), Crotone cl.95; Manetta Cosimo, Crotone cl.65; Manetta Domenico, Rocca di Neto (KR) cl.67; Manetta Nicola (detto Trullo), Crotone cl.81; Manetta Nicola, Crotone cl.87; Manetta Nicola, Crotone cl.92; Manetta Roberta, Crotone cl.93; Mannolo Mario, Cutro (KR) cl.59; Medaglia Massimo, Crotone cl.92; Pagliuso Roberto, Crotone cl.72; Passalacqua Antonio (detto Tonino), Crotone cl.69; Passalacqua Antonio (detto capa grande), Crotone cl.84:; Passalacqua Armando (detto labruto), Crotone cl.90; Passalacqua Cosimo (detto Palalò), Crotone cl.72; Passalacqua Damiano, Crotone cl.86; Passalacqua Domenico (detto gazosa), Scandale (KR) cl.53; Passalacqua Elio (detto luigi e Luigiuzzo), Catanzaro cl.71; Passalacqua Giovanni (detto gigliotti), Catanzaro cl.65; Passalacqua Giovannina (detta cacannuzza), Strongoli (KR) cl.58; Passalacqua Leonardo, Crotone cl.69; Perini Alessandro (detto capa gialla), Crotone cl.84; Pitaro Antonio, Caccuri (KR) cl.84; Ranieri Piero (detto rocciolo e bambinone), Crotone cl.77; Raso Filippo, Taurianova (RC) cl.69; Sabato Maurizio (detto Cavaliere), Catanzaro cl.66; Santoro Manuel, Crotone cl.94; Scerbo Antonio, Crotone cl.77; Scicchitano Antonio (detto tano e tonino), Catanzaro cl.61; Scicchitano Maria, Cernusco sul Naviglio (MI) cl.94; Scumaci Gregorio (detto Gori), Botricello cl.56; Stefanizzi Giuseppe, Crotone cl.60; Tarasi Martino, Crotone cl.88; Virardi Matteo, Cariati (CS) cl.84.