"Passaggi Rupestri nel Mediterraneo", nella Locride si punta sul turismo enogastronomico

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images "Passaggi Rupestri nel Mediterraneo", nella Locride si punta sul turismo enogastronomico
Passaggi Rupestri nel Mediterraneo
  07 febbraio 2020 15:09

Sabato 8 febbraio a Gerace alle 16,30 presso il Museo Civico si terrà la conferenza sui palmenti della locride e i vitigni autoctoni di Gerace.
In un momento in cui il turismo enogastronomico è in forte crescita è importante riconoscere e valorizzare una delle più importanti tradizioni del nostro territorio.Passaggi Rupestri nel Mediterraneo è un progetto in collaborazione con Università di Bologna nella persona del prof. Adamo Domenico Rombolà che vuole valorizzare i territori , contrastando l'abbandono dei luoghi e la scomparsa progressiva delle comunità locali.

L' iniziativa volta a percorrere con un ritmo lento e riflessivo i paesaggi naturali, umani e culturali, accompagnati da profumi, aromi colori e suoni oltreché assaggi di prodotti tipici alla scoperta di tutto ciò che unisce i popoli del Mediterraneo in termini di lingua, eredità genetica culturale e linguistica.

Nella tappa dell' 8 febbraio a Gerace alle 16.30 presso il Museo Civico si evidenzieranno le potenzialità inespresse del territorio della Locride, proiettando inoltre il video sui palmenti di Antonio Renda e Orlando Sculli.

Al termine della conferenza verrà offerta una degustazione a base di vini ricavati da Santino Panzera e Orlando Sculli da uve di vitigni autoctoni di Gerace conservati in un campo di "salvataggio" nel comune di Ferruzzano.