Voto per corrispondenza dei cittadini fuori sede, Crotone è il primo comune capoluogo della Calabria che aderisce alla petizione

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Voto per corrispondenza dei cittadini fuori sede, Crotone è il primo comune capoluogo della Calabria che aderisce alla petizione
Una persona al voto
  22 febbraio 2021 11:10

 
Crotone è il primo comune capoluogo della Calabria che aderisce alla petizione finalizzata a chiedere l’introduzione del voto per corrispondenza in favore dei cittadini fuori sede.
 
Accogliendo la richiesta del collettivo “Peppe Valarioti”, la giunta comunale ha deciso di aderire alla petizione che ha come finalità sensibilizzare il Governo e la Regione Calabria sulla opportunità di introduzione di un sistema di voto per corrispondenza che consenta, da una parte, la maggiore partecipazione democratica dei cittadini impossibilitati a rientrare per l’esercizio del diritto di voto, dall’altra, per evitare che le consultazioni elettorali possano costituire pericolo di diffusione del contagio da nuovo coronavirus.
 
"Si tratterebbe, per la Calabria, di un atto di alta democrazia, applicato già in molti paesi e che soprattutto tiene conto che è numerosa la comunità di concittadini crotonesi e calabresi che vivono fuori regione, ai quali la normativa vigente in materia elettorale di fatto non garantisce la più ampia partecipazione democratica, in quanto rientrare in Calabria in occasione delle elezioni comporta un impegno logistico ed economico non trascurabile. Difficoltà sono acuite da un deficit infrastrutturale, soprattutto della fascia ionica, che non permette un rientro in tempi accettabili, dunque spesso incompatibile con le attività lavorative e di studio; limitazioni che comportano di fatto delle disuguaglianze sociali a sfavore di chi, pur volendo partecipare consapevolmente alla vita democratica del paese, non ha la possibilità di raggiungere il comune in cui è iscritto alle liste elettorali. Un provvedimento che aderirebbe naturalmente alla ratio degli articoli 3 e 48 della Costituzione della Repubblica, che riconoscono il voto come un diritto e dovere da garantire ad ogni cittadino, senza discriminazioni anche di fatto, promuovendo ogni iniziativa idonea a garantire la più ampia partecipazione democratica", fa sapere l'amministrazione comunale di Crotone.
 
"L’adesione alla petizione è una scelta democratica che la giunta intraprende coerentemente con i principi fissati dallo Statuto comunale che, in particolare all’art. 1 dispone: “Il Comune individua, inoltre, bisogni ed esigenze di quanti, nati nel territorio comunale, successivamente sono emigrati in altre regioni italiane o in altri Paesi,assumendo idealmente e culturalmente la loro rappresentanza, nella consapevolezza della totale legittimità di una comunità di Crotone comprensiva anche degli emigrati”. Tra l’altro, anche in considerazione dell’emergenza sanitaria in corso che investe tutto il paese, la possibilità di esercitare il diritto di voto per corrispondenza costituirebbe una idonea misura per il contenimento della stessa", hanno concluso.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner