Catanzaro da Vivere: "Bene il sindaco e il management di Amc per miglioramento contratto dei dipendenti"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Catanzaro da Vivere: "Bene il sindaco e il management di Amc per miglioramento contratto dei dipendenti"
Palazzo De Nobili
  26 luglio 2019 13:27

“L’aumento dell’orario lavorativo per 70 dipendenti part time dell’Amc è un ottimo risultato ottenuto dal sindaco Sergio Abramo, dalla sua maggioranza di centrodestra, e dal management dell’azienda partecipata”.

Lo hanno affermato i consiglieri del gruppo Catanzaro da vivere, Ezio Praticò, Antonio Mirarchi, Antonio Angotti e Antonio Ursino. “L’ennesima dimostrazione dell’intervento sostanziale operato sui conti, del Comune come delle società partecipate, che consente di aumentare non solo i servizi nei confronti dei cittadini, ma anche, come in questo caso, l’attenzione, le tutele, il riconoscimento economico nei confronti dei dipendenti e delle loro famiglie”.

Banner

“Sull’Amc, in particolare, va segnalato come la situazione economica dell’azienda, prima di Abramo gravata dai debiti, sia più che positiva: segno che gli interventi voluti dal sindaco e attuati dai manager, il presidente Margiotta e il direttore generale Correggia, vadano nella direzione giusta contemperando l’erogazione dei servizi all’aumento delle garanzie per i lavoratori per un risultato che assume una valenza ancora più importante se si pensa alla crisi, al limite del default, che attanaglia tantissime società partecipate nel settore dei trasporti pubblici in Calabria e in tutta Italia”.

Banner

I consiglieri del gruppo hanno aggiunto: “Riuscire a individuare la copertura finanziaria per aumentare a 36 ore il monte lavorativo dei 70 part time Amc non era per niente facile, né si trattava di un atto dovuto. Ma ce l’abbiamo fatta, sempre tenendo un occhio di riguardo ai bilanci, e  perseguendo un obiettivo legittimo e condiviso senza tralasciare la necessaria salvaguardia della sostenibilità economica alla base dell’operazione. Che accresce – hanno concluso Praticò, Mirarchi, Angotti e Ursino – la dignità dei lavoratori e delle loro famiglie”.

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner