L'assessore Longo ancora sotto attacco per le passerelle della discordia

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images L'assessore Longo ancora sotto attacco per le passerelle della discordia
Una delle passerelle installate a Lido
  15 luglio 2019 09:18

"Se la politica, a Catanzaro e non solo, perde ogni giorno sempre piu' di credibilità ed autorevolezza è anche grazie alle disinvolte dichiarazioni dei suoi attori protagonisti che, dalla sera alla mattina, riescono a cambiare idea smentendo se stessi con una facilità che, a dir poco, ha dell'incredibile". E' l'associazione "FareXLido" a tornare all'attacco dell'assessore ai lavori pubblici del Comune di Catanzaro, Francesco Longo, che, a kloro dire, dopo aver piu' volte affermato a mezzo stampa che le passarelle posizionate sulla spiaggia dal suo settore erano "dedicate" ai diversamente abili, incalzato dal consigliere Riccio che, giustamente, ne denunciava la non aderenza alle vigenti normative, cambia idea e, con una rocambolesca dichiarazione a mezzo stampa informa la città che le passarelle "costituiscono un'agevolazione per l'accesso al mare alle persone anziane e alle persone diversamente abili con patologie non completamente invalidanti".

"Per l'assessore Longo, quindi - incalzano dall'associazione -, spiagge e mare sono  off limits per i cittadini diversamente abili e le passarelle posizionate sulle spiagge sono  a disposizione di una nuova categoria di cittadini "svantaggiati" inventata motu proprio dal genio dell'assessore, ovvero "le persone diversamente abili con patologie non completamente invalidanti. Se ci asteniamo dal fare battute trattando l'argomento in questione di persone svantaggiate non possiamo pero' fare a meno di registrare l'inadeguatezza di un assessore che non riesce ad incidere positivamente neanche su piccole problematiche quali le passarelle per i disabili e malgrado l'aiutino di chi, in questo caso il consigliere Riccio, ha cercato di suggerirgli piu' volte le normative di riferimento cui attenersi. Una città capoluogo di Regione - concludono dall'associazione "FareXLido" - non merita forse una classe dirigente all'altezza della situazione?".

Banner

 

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner