Tragedia nel soveratese, Scalzo (Fillea Cgil): "Squarciare il velo di indifferenza con politiche di prevenzione, formazione e controllo"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Tragedia nel soveratese, Scalzo (Fillea Cgil): "Squarciare il velo di indifferenza con politiche di prevenzione, formazione e controllo"

  05 maggio 2022 20:11

La Fillea CGIL Area Vasta Catanzaro- Crotone – Vibo Valentia manifesta, con vicinanza, un commosso e sentito pensiero di cordoglio alla famiglia ed alle persone care del lavoratore Francesco Leuzzi, cinquantatreenne, deceduto questa mattina a Satriano (CZ), mentre, da quanto apprendiamo dalla stampa, si trovava a lavoro su di un tetto.

LEGGI QUA

Banner

"La Provincia di Catanzaro conta l’ennesima tragedia, ad una manciata di giorni dalle celebrazioni della Festa dei Lavoratori del Primo Maggio, di un lavoro che continua a mietere vittime a ritmi vertiginosi e pesantemente allarmanti: una vera e propria strage. L’incidente mortale di stamani, sul quale auspichiamo che il lavoro degli organi competenti possa presto ricostruire e chiarire la dinamica, si attesta in un drammatico, terribile, trend di crescita degli infortuni e dei decessi sul lavoro.

Banner

Nel corso del primo trimestre del 2022 infatti, testimoniano i dati nazionali e territoriali diffusi da Istat ed altri osservatori, si è verificato un incremento dell’incidenza rispetto al medesimo periodo dell’anno precedente anche superiore al 50%, se pensiamo alle denunce di infortunio".

Banner

Scrive così in una nota Emanuele Scalzo, Segretario Generale Fillea CGIL Area Vasta CZ KR VV.

"Quello edile -prosegue- rappresenta uno dei comparti maggiormente colpiti, ed è dunque necessario puntare a riqualificare il settore, a vedere finalmente affermata una cultura della regolarità con alla sua testa le competenze del sistema bilaterale, pretendere che venga fatto rispettare il Contratto di settore e, naturalmente, la stringente normativa posta a tutela della sicurezza dei cantieri e delle maestranze.

E’ assolutamente necessario squarciare il velo di indifferenza che troppo spesso copre l’inarrestabile mattanza di lavoratori.

Politiche di prevenzione, formazione e controllo sono i capisaldi che le Istituzioni ad ogni livello devono favorire, sostenere e conseguentemente verificarne la corretta applicazione per contrastare infortuni e morti sul lavoro.

Al Governo regionale chiediamo, infine, di convocare con carattere d’urgenza il Comitato Regionale di Coordinamento e gli Organismi Provinciali in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro, e di renderlo “permanente” per dare continuità ad un’azione che possa finalmente offrire risposte concrete per un’emergenza così grave che continua a colpire senza sosta".

                                                                

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner