Scomparsi in Sardegna due fratelli originari di San Gregorio d'Ippona. L'appello disperato della sorella. Trovata bruciata la loro auto

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Scomparsi in Sardegna due fratelli originari di San Gregorio d'Ippona. L'appello disperato della sorella. Trovata bruciata la loro auto
Davide e Massimiliano Mirabello
  12 febbraio 2020 10:37

Di loro non si hanno più tracce da domenica scorsa. Tre lunghi giorni durante i quali i fratelli Davide e Massimiliano Mirabello, 40 e 36 anni, originari   di San Gregorio d’Ippona,sembrano essere svaniti nel nulla  a Dolianova,  un comune della provincia del Sud Sardegna.

E’ stata la sorella dei due, Eleonora a  diffondere sul web un accorato appello e a ricostruire gli ultimi movimenti dei fratelli.   Massimiliano si era trasferito a Dolianova per amore e, una volta trovato lavoro e sistematosi in Sardegna, aveva invitato Davide a raggiungerlo. Insieme lavoravano i campi e curavano una vigna.

 "Quel pomeriggio - ha raccontato la donna a "L'Unione sarda" - appena l'ho saputo da mia cognata, la compagna di Massimiliano, ho pensato che sarebbero tornati da un momento all'altro. Invece di sera ancora nulla, quindi ho sporto denuncia a Roma, dove abito con le mie sorelle"

La donna ha così deciso di raggiungere l'Isola per "seguire da vicino". Erano le 15,30 di domenica, racconta, quando "Davide è uscito di casa con la sua macchina. Al rientro è passato davanti alla casa di un signore col quale da tempo non correva buon sangue".

Secondo quanto riportato si sarebbero verificati nel tempo una serie di litigi, il cane di Davide fatto ritrovare ammazzato davanti alla porta di casa, e uno scambio di accuse e denunce che avevano avvelenato i rapporti. "Questo signore, al passaggio di Davide, domenica pomeriggio, ha sputato per terra in segno di disprezzo. Mio fratello ha chiamato Massimiliano che è subito uscito di casa per raggiungerlo. Questo è quanto mi ha raccontato la compagna di Massimiliano".

Da quel momento sono scomparse le tracce dei due. Inutili i tentativi di contattarli telefonicamente: il cellulare di Davide risulta spento, Massimiliano lo aveva lasciato a casa.

E intanto oggi la Volkswagen Polo blu è stata trovata bruciata, e molte tracce di sangue sono state trovate in una strada non distante dalla loro abitazione. Carabinieri, procura e Protezione Civile vanno avanti nelle ricerche e nelle indagini.