Allert’Art Evidenti Visioni, l'arte come strumento di redenzione sociale?

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Allert’Art Evidenti Visioni, l'arte come strumento di redenzione sociale?
L'artista, opera di Apollonia
  12 luglio 2019 16:00

 UNA VITA FUORI CORNICE 

Per il filosofo francese Lèvy, “l’Arte, più che la questione della bellezza, pone la questione della verità”. Questi versi ci introducono a una suggestiva teoria, ci invitano a riflettere sui cambiamenti evolutivi subiti dalle “figure” che ruotano attorno al “sistema dell’arte” nella modernità e nella post-modernità. Un tempo il mondo dell’arte era più umano, più genuino, distante dalle gelide trattative finanziarie di oggi dove tutto si sussegue in maniera galoppante e sconfortante a discapito dell’artista e dell’arte stessa. Non servono più i Maestri? Attualmente l’ “Artista” si crea a “tavolino” come un prodotto di MARKETING. Poi c’è il gallerista di fama che garantisce esponendo le “improbabili opere d’arte”, il critico che dopo selezione arbitraria, scrive fiumi di proclami elogiando l’astro nascente, invadendo tutti i mezzi di comunicazione, e il gioco è fatto. La nutella è pronta da spalmare. L’opera di tale artista diventa oggetto di culto, fa tendenza, con tanto di collezionisti a seguito, che spesso d’Arte non comprendono alcunché, ma compranoa suon di milioni di euro, l’opera proposta dal “PENTAGONO DELL’ARTE”, e i prezzi lievitano, spesso rilevandosi “bolle” che scoppiano provocando un cumulo di –insignificanti nullità-. C’è un “tradimento dell’intellettuale” privato dal suo ruolo, mancante di responsabilità, accecato dal “sole del potere”; mai si era vista tanta decadenza. L’Arte sta naufragando, in una versione che ribalta la visione. Non esiste un’approdo. Siamo sospesi. Gli artisti profughi da sé stessi, latitano, vittime di un sistema corrotto. La parola magica è: CROSSOVER: ovvero, incrocio, attraversamento, riflesso. Il valore di un’ “invenzione” si fonda sulla negazione del principio di piacere, al punto che siamo portati a considerare interessanti soprattutto le opere “non gradevoli”. LOUISE BOURGEOIS, grande ARTISTA contemporanea diceva: “L’arte è una garanzia di equilibrio mentale” . Riflettete, genti riflettete.

Banner

Apollonia

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner