Amc, l'incremento orario non soddisfa un'opposizione inviperita

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Amc, l'incremento orario non soddisfa un'opposizione inviperita
L'attacco di Gianmichele Bosco
  25 luglio 2019 17:45

di ANTONELLA SCALZI

Rush finale dei lavori del Consiglio con un'integrazione al programma triennale dei lavori pubblici 2019/2021 e ovviamente dell'elenco annuale dei lavori per l'anno in corso. E l'ultimo colpo di coda di un'opposizione che oggi l'ha fatta da padrona c'è stato quando in aula è entrato l'incremento orario a 36 ore settimanali dei dipendenti part time dell'Azienda per la mobilità cittadina del capoluogo di regione.

Banner

«Un contentino, nulla di più, per lavoratori che si sacrificano per un'azienda partecipata del Comune». Così Bosco e Costanzo che salvano i lavoratori, ma bocciano mezzi, servizi, percorrenza e management. E poi le pensiline, quel bando andato deserto di cui ha parlato Fabio Talarico e la proposta targata Sergio Costanzo "Adotta la pensilina". Tanta carne al fuoco per mettere nel mirino Marco Correggia, una direzione, la sua, presa a pretesto da Bosco anche per mettere il dito nella piaga delle mancate penalità alla Si.Eco. Sì, perché, gira e rigira, è la gestione Abramo che proprio non li convince. Ma l'incremento di oggi è soltanto il primo step, almeno questo si augura la vice di Polimeni perché per Roberta Gallo «tutti i lavoratori Amc che spesso hanno sulle spalle famiglie monoreddito devono avere un contratto full time». Di diverso avviso Filippo Mancuso che si è detto «allibito dalle critiche». Un po' come Agazio Praticò che sulla regolarità dei conti non transige. Un concetto ripreso anche dal sindaco che ha rivelato un aggiornamento a ottobre che per i lavoratori interessati potrebbe voler dire contratto full time. «Tutto è migliorabile», ma il sindaco mantiene fermo l'ottimismo e rivolto a Bosco ha detto: «Tu contesti tutto». Piccata la replica targata Bosco, al cardiopalma quella di Costanzo, ma almeno del voto nessuno se l'è sentita di dire no a un provvedimento comunque migliorativo peri lavoratori interessati. A riconoscerlo lo stesso Nicola Fiorita che molla la presa su una sua profonda convinzione: «Il sindaco non accetta le critiche e scappa».   

Banner

Alle 16,46 è giunto il momento del confronto sull'ex scuola elementare di via carbone da concedere all'Accademia di Belle Arti , per 10 anni da innalzare poi a 30, per i laboratori di scultura e per le attività didattiche.  Un'altra pratica approvata all'unanimità con l'esclusione di Mirarchi che del tema avrebbe voluto discutere anche in commissione, come peraltro anche altri, e con Talarico che vorrebbe allineare a questa data anche l'affidamento dell'Educandato. «Allineamento ragionevole» per Nicola Fiorita. Breve sospensione, poi la ripresa e la scelta di aumentare gli anni di concessione con una successiva delibera che, in pratica, sancirà ciò che è stato già deciso. 

Banner

E poi l'ambiente con Catanzaro che da oggi è un comune plastic free e beach smoke free. Plastica e fumo, dunque, non abitano più nel capoluogo di regione. Così ha volto l'aula al termine di un Consiglio più di sei ore e iniziato con un ritardo di ben 104 minuti rispetto all'orario riportato nella convocazione. 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner