Andrea Ferrara (Supercinema Catanzaro): "Riaprire le piccole sale cinematografiche per far ripartire la cultura in sicurezza"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Andrea Ferrara (Supercinema Catanzaro): "Riaprire le piccole sale cinematografiche per far ripartire la cultura in sicurezza"

"Ancora nessun ristoro dal bando di aprile"

  20 febbraio 2021 13:41

Andrea Ferrara, ex direttore del teatro Masciari, ed attualmente impegnato per ila gestione del 'Supercinema' di Catanzaro, rilancia una proposta al Governo: "Riaprire le piccole sale teatrali e cinematografica, si riattiverebbe così il mondo della cultura. Sarebbe anche una buona opportunità per  dar una mano alle attività commerciali in crisi nei centri storici delle città".

Parte dunque dal capoluogo della regione Calabria l'idea di una ripartenza che possa dare nuove vita alle piccole sale, forse per troppo tempo messe da parte. Andrea Ferrara dell'associazione 'Catanzaro dentro le mura"  ci spiega che nelle piccole sale cinematografiche e teatrali sarebbe possibile garantire la sicurezza limitando l'accesso e nel rispetto delle norme previste dal Governo.




"In una multisala sarebbe più difficile garantire il rispetto delle norme anti Covid. È improbabile che qualcuno ascolti la nostra proposta perché c'è lo strapotere delle grandi multisala. A loro sono andati ristori molto più consistenti rispetto ai nostri. In ogni caso anche questi aiuti non sono ancora arrivati. Il bando è stato fatto a aprile ma ancora siamo in attesa" dice Ferrara.

"Sarebbe bello grazie alla riapertura delle piccole sale cinematografiche e teatrali come il Supercinema o il teatro Comunale di Catanzaro poter aiutare anche i commercianti ed i ristoratori in gravissima crisi".

"Una proposta che probabilmente il Ministro Franceschini non ascolterà mai anche perché le piccole sale non hanno un coordinamento nazionale - ci spiega -. Sarebbe stato opportuno che questa proposta arrivasse direttamente dal ministro ma purtroppo ciò non è avvenuto. Speriamo solo di ripartire presto perché molti cinema rischiamo di chiudere per sempre" conclude.

Banner

 

Banner

 

Banner

 

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner