Autonomia differenziata, Oliverio: "Produrrà frattura sociale ed istituzionale"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Autonomia differenziata, Oliverio: "Produrrà frattura sociale ed istituzionale"

  30 giugno 2019 10:21

Di seguito pubblichiamo il testo della lettera che il presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio, ha inviato ai presidenti delle Regioni del Sud:

“Egregi,

Banner

nelle prossime settimane, la bozza di intesa ministeriale finalizzata a delineare un nuovo rapporto tra lo Stato  ed alcune  singole Regioni, potrebbe pervenire  ad una definitiva approvazione.

Banner

Non è, comunque, trascurabile il fatto che lo stesso dibattito, che si è sviluppato intorno al cosiddetto progetto di autonomia differenziata, abbia già concretamente modificato ed alterato il confronto tra Stato e Regioni.

Banner

La stessa conferenza Stato - Regioni rischia di essere vanificata nelle proprie prerogative istituzionali, mentre il Parlamento rischia di essere svuotato della sua centralità e funzione essenziale, su un  nodo sostanziale relativo alla definizione del rapporto Stato e Regioni. Un fattore certamente non secondario per le prospettive del Paese e per la stessa coesione nazionale.

Il mio allarme è, dunque, teso a sollevare non solo una questione di metodo. Ovviamente, esso è motivato soprattutto dalla preoccupazione che la revisione costituzionale relativa ad una molteplicità  di materie e funzioni, ad esclusivo vantaggio di alcune regioni ed aree forti del Nord, possa acuire gli squilibri accumulati e non risolti nel corso di decenni a netto svantaggio del Sud e delle sue popolazioni. In particolare, saranno i giovani costretti in larga maggioranza ad abbandonare la propria terra. Una impostazione che di fatto mette in discussione il Patto Nazionale su cui si regge l'impianto istituzionale e democratico.

Il rischio che si possa creare una grave frattura sociale ed istituzionale è reale.

È innegabile che tale frattura possa mettere in discussione il principio della parità dei diritti universali e di cittadinanza.

Nessun parametro fiscale  può essere assunto come elemento regolatore per definire i livelli essenziali di prestazione (lep) e i costi standards per i servizi primari.

Saremmo costretti, inevitabilmente, a registrare una classificazione diversificata  tra territori e cittadini di serie A e altri di serie B o di categorie ancora più inferiori.

Ciò nega il principio di eguaglianza per garantire pari dignità e libertà a tutti i cittadini.

Tale rischio è assolutamente da evitare.

Ci si troverebbe di fronte ad un processo di secessione erosivo delle fondamenta dello Stato unitario e Nazionale.

Penso conveniaTe che le regioni, a cui ci è stato attribuito il dovere di rappresentanza, siano le più esposte ai contraccolpi di una politica rivolta a potenziare solo l'interesse di alcune del nord.

Va da sé che non è mia intenzione sollevare o soffiare su vecchi e nuovi conflitti tra Nord e Sud del Paese.

Nella attuale contingenza  il tema è ben altro: la necessità di un rilancio della forza e della capacità di competere dell'intero nostro Paese.

Sarebbe un errore storico, di grave miopia politica, se si dovessero consegnare interi sistemi territoriali meridionali ad una condizione di abbandono e marginalità.

Il danno non sarebbe soltanto quello di una accentuazione del dualismo storico ma quello della penalizzazione e della mancata crescita economico-sociale dell'insieme del Paese.

Tutto ciò sarebbe ancor più miope, di fronte alla necessità di un rinnovato rapporto con l'Europa.

Anche a questo fine, un Sud meno residuale ma più produttivo e moderno è una convenienza per l' Italia intera.

Al fine di un approfondimento di questi temi e con l'intento di poter pervenire ad una proposta unitaria da parte delle Regioni del Mezzogiorno, vorrei con la presente chiedere la Vostra disponibilità a partecipare ad un incontro tra i Presidenti delle Regioni del Sud e, dunque, concordare telefonicamente data e luogo di questo nostro appuntamento. Tale incontro ritengo debba essere aperto alle forze sociali, alle Università e ai rappresentanti delle amministrazioni locali".

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner