Basso profilo. Di Lieto (Codacons) sull'assessore ai domiciliari che non si dimette in una "Calabria senza speranza"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Basso profilo. Di Lieto (Codacons) sull'assessore ai domiciliari che non si dimette in una "Calabria senza speranza"
Francesco Di Lieto
  30 gennaio 2021 16:41

di FRANCESCO DI LIETO

Ma quale speranza può mai avere una regione che ha il proprio assessore al Bilancio agli arresti domiciliari? ...e che, ovviamente, non sente alcun bisogno di dimettersi.

Banner

Certo, in un paese normale, non dico il presidente che, per sbandierata carità cristiana perdona i peccatori, ma quantomeno l’opposizione avrebbe dovuto sollevare il problema. Ma in Calabria regna una sorta di partito unico, capace di destarsi da un atavico letargo solamente quando bisogna mettere la sordina a qualche voce scomoda. E quando si riesce a far fuori il “pazzo” di turno ecco che ripiomba in un sonno profondo che ha il sapore della complicità.

Banner

Un esempio? Ricordate il tavolo del “centrosinistra”, quello che, appena un mese addietro si riuniva laboriosamente ogni santo giorno.
Ecco, non appena i nostri eroi sono riusciti a sventare la terribile minaccia di Carlo Tansi candidato presidente, sono tranquillamente tornati a dormire. Mi riferisco agli illuminati guidati dall’on.Graziano che, dalla provincia di Caserta, è giunto in Calabria per diffondere il verbo. Quasi gli stessi che dopo i cenoni natalizi, oggi tornano a lamentarsi perché de Magistris è nato oltre il Pollino...vicino Graziano.
In fondo è giusto che queste figure mitologiche, metà umani e metà poltrone, dopo aver ridotto la Calabria “la terza regione in ordine alfabetico”, pretendano di continuare a rimanere incollati alle poltrone, supportati dall’intellighenzia da salotto. 

Banner

Occorre squarciare questo assordante silenzio, senza nasconderci dietro la presunzione d’innocenza. Se vogliamo restituire dignità alla politica occorre che si inizi a far pulizia a prescindere dalle sentenze. Solo così si ristabilisce il primato della politica. Un indagato, per di più agli arresti per vicende di ndrangheta non può pensare di restare al governo della Regione come se nulla fosse accaduto.

È una questione morale. Sicuramente l’assessore avrà modo di chiarire la sua estraneità, anche se per il momento sembra essersi avvalso della facoltà di non rispondere, ma deve farsi da parte. Non per rispetto alle indagini, ma per rispetto ai Calabresi. Altrimenti avrà ragione chi ci definisce una regione perduta.

*Codacons

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner