"Buono estate 2019", successo per l'iniziativa di solidarietà targata Carlo Piroso

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images "Buono estate 2019", successo per l'iniziativa di solidarietà targata Carlo Piroso
La serata di consegna del "Buono estate 2019"
  05 luglio 2019 17:53

Conclusa, a Catanzaro Lido,  la  cerimonia di consegna del “Buono estate 2019 “ da parte del Capitolo Avalon 24 di Cosenza Ordine della Stella d’Oriente a favore del Centro di solidarietà calabrese /Mondo Rosa. L'importante iniziativa di solidarietà si è tenuta sulla veranda del lido "Lo Ionio" dove l’associazione avrà modo, per l’intera stagione estiva, di usufruire dei servizi dello stabilimento balneare, potendo garantire ai suoi ospiti una estate diversa. La consegna è avvenuta alla presenza dei rappresentanti delle due organizzazioni: Gabriella Costabile di Wm;  Fortunato Antonio Gaudio di Wp; Isolina Mantelli, presidente del Centro solidarietà calabrese; il direttore amministrativo dell’associazione Liberamente Calabria Vittoria Scarpino e il presidente dell’ associazione Liberamente Calabria Carlo Piroso ispiratore di tale connubio.

E Isolina Mantelli non ha perso l’occasione per illustrare le numerose attività svolte dal Centro e soprattutto per evidenziare «le gravi difficoltà economiche in cui versa l’organizzazione a causa degli enormi ritardi nei pagamenti , da parte delle aziende sanitarie ed in particolare di quella di Catanzaro» . Per i lavoratori del Centro c'è anche il rischio licenziamento, ma proprio la Mantelli ha dato notizia di un recente incontro con le sigle sindacali per scongiurarlo.

Banner

E il presidente dell’associazione Liberamente Calabria , si è dichiarato «felice di aver avuto l’opportunità di far conoscere anche agli iscritti del Capitolo la grande opera che gli operatori del Centro svolgono sul territorio spesso tra mille difficoltà». Carlo Piroso, peraltro ha espresso il convincimento che «la solidarietà abbia bisogno di segni tangibili, seppur piccoli, capaci di alleviare le sofferenze ed i sacrifici dei più deboli e dei sofferenti . Ogni piccolo contributo può regalare un sorriso e costituire , così ,un mattone per la ricostruzione delle cose ed in questo caso delle persone. È, anche, attraverso piccoli gesti o con la sola vicinanza che le persone possono sentirsi una parte del tutto e non drammaticamente sole nella difficoltà». La cerimonia, d'altronde, si è svolta in un lido, “lo ionio “, diventato un simbolo dopo l'incendio che lo distrusse e la volontà di ridargli nuova vita trovando nella legalità e nel lavoro il proprio riscatto. 

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner