Cambiavento a Polimeni sugli incontri cittadini: "Meglio pochi che una claque che applaude a comando"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Cambiavento a Polimeni sugli incontri cittadini: "Meglio pochi che una claque che applaude a comando"

  10 luglio 2024 13:31

"Il consiglio comunale di ieri ha certificato una volta di più che Marco Polimeni non intende mettere da parte la sua solita arroganza. E questo nonostante i toni apparentemente ironici del suo intervento ma, soprattutto, nonostante le ripetute sconfitte che lo accompagnano da tempo, specie da quando si muove in “splendida” solitudine – è appena il caso di ricordare che parliamo del coordinatore provinciale di un partito che dopo le europee si colloca al quinto posto tanto in città, dove FI è stato azionista maggioritario del Comune per quattro delle ultime cinque legislature, quanto in  provincia. Risultato peraltro sbandierato come “successo” personale". 

Lo riporta in una nota l'Associazione Politica e Culturale Cambiavento di Catanzaro. 

Banner

"Dunque Polimeni, ieri, ha pensato bene di ricordare gli anni in cui Nicola Fiorita e Gianmichele Bosco sedevano sui banchi dell’opposizione in Consiglio e insieme con Cambiavento erano soliti incontrare i cittadini, confrontandosi sui problemi e le esigenze dei quartieri, informandoli a parlando con loro di politica. Un’attività che ritenevamo e riteniamo tutt’oggi meritoria al punto da proseguirla regolarmente in città perché è questa per noi la buona politica, ma che Polimeni ha voluto sprezzantemente sminuire, affermando che a muoverci eravamo un pugno di persone, neppure una decina.

Banner

Ebbene. Gli ricordiamo che quel pugno di persone, neppure una decina, alla fine lo ha strabattuto alle elezioni dove lui era sicuro di stravincere, dopo essersi speso facendo di tutto e di più: dai tour elettorali tra i dipendenti comunali, alle minacciate e mai concretizzate dimissioni in caso di sconfitta. 

Banner

Forse, allora, caro Polimeni, parlare con la gente non è così inutile. Parlare con la gente, infatti, è il migliore esercizio di democrazia che si possa praticare. Perché la gente apprezza, giudica e poi si comporta di conseguenza. Erano in tanti, a seguire Fiorita e Bosco? Erano in pochi? Non ha importanza. Di sicuro, non erano una claque disposta ad applaudire a comando. Erano persone, e a Polimeni hanno dato una bella lezione al momento opportuno, nelle urne". 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner