Catanzaro. "Arte e politica in Italia meridionale", si conclude il discorso per immagini promosso dalla Fondazione Cefaly

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Catanzaro. "Arte e politica in Italia meridionale", si conclude il discorso per immagini promosso dalla Fondazione Cefaly
Giovanna Capitelli e Virginia Silvano
  04 giugno 2021 12:54

di CLAUDIA FISCILETTI

Inizia la giornata conclusiva del dibattito su "Arte e politica in Italia meridionale" organizzata dalla Fondazione Andrea Cefaly in collaborazione con l'Università degli studi della Calabria, l'Università Roma Tre e l'Accademia di Belle Arti di Catanzaro, nell’ambito dei progetti finanziati con Fondi Pac 2014-2020 della Regione Calabria. L'evento, curato da Giovanna Capitelli, Leonardo Passarelli e Maria Saveria Ruga, è caratterizzato dal discorso per immagini; ogni relatore inizia il proprio intervento basandosi su un'opera d'arte cruciale dalla quale partire per affrontare un anno ed un tema specifico.

Banner


Luisa Martorelli e Stefano Cracolici

Banner

Nella prima parte della giornata, moderata da Stefano Cracolici, sono intervenuti Luisa Martorelli, già funzionario Mibact, che si concentra su "Un episodio di brigantaggio agli albori dell'Italia unita: Francesco Sagliano e il dipinto della Reazione d'Isernia": "Un quadro a me caro, si trova al museo di San Martino", spiega, dipanando poi la storia legata al quadro, Giuseppe Monsagrati, Università La Sapienza di Roma, che ha trattato "La storia dipinta. Gerolamo Induno e il racconto del Risorgimento": "Induno fu, forse, uno degli interpreti più fedeli del messaggio mazziniano, perché tutta la sua vita si svolge non solo come artista che raffigura i momenti del Risorgimento ma anche come protgonista", e Leonardo Passarelli, Università della Calabria, su "Cesare Lombroso e le fotografie dei briganti in Calabria" analizzando il passaggio dalla litografia alla fotografia, concentrandosi sul fenomeno del brigantaggio post unitario. 

Banner


Giuseppe Monsagrati e Stefano Cracolici

La seconda parte, moderata da Giovanna Capitelli, ha visto l'intervento di Virginia Silvano su "Guglielmo Tomaini: la pittura militare e i versi patriottici nell’Italia postunitaria", concentrandosi proprio su Tomaini che, poi, morì nell'ospedale psichiatrico di Girifalco, probabilmente affetto da una grave forma di schizofrenia.


Leonardo Passarelli e Stefano Cracolici

La terza e ultima parte, moderata da Leonardo Passarelli, ha visto gli interventi di Laura Mileto, Università di Pisa, su "Il tema dell’emigrazione e la carica sociale nei dipinti di Gaele Covelli", concentrandosi sull'artista nato a Crotone e sulla sua opera "Verso l'ignoto" in cui si evince l'ancora irrisolta situazione dell'emigrazione e della questione meridionale, e Stefano Grandesso su "La celebrazione dell’Unità: Francesco Jerace e il gruppo scultoreo per l’Altare della Patria a Roma".


L'intervento di Laura Mileto


Stefano Grandesso e Leonardo Passarelli

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner