Consiglio regionale, i punti all'ordine del giorno approvati

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Consiglio regionale, i punti all'ordine del giorno approvati

  15 luglio 2019 20:38

REGGIO CALABRIA- L'esame di alcuni ordini del giorno e lo svolgimento di interrogazioni e interpellanze, in base all'ex art. 12° del Regolamento interno figurano nell'ordine del giorno dell'odierna seduta del Consiglio regionale, iniziata poco fa a Palazzo Campanella. Tra gli argomenti in discussione la situazione dei lavoratori ex percettori di indennità di mobilità in deroga; l'attività di sorveglianza idraulica nel territorio calabrese; le iniziative in merito all'alluvione che ha colpito Corigliano Calabro il 26 e 27 novembre del 2018; la chiusura di alcune scuole di specializzazione dell'Università Magna Graecia di Catanzaro e l'inserimento della diga sul fiume Melito nel Decreto sblocca cantieri. Possibili, in avvio di seduta, richieste di nuovi inserimenti dei provvedimenti che la terza e la quarta Commissione hanno approvato nelle sedute della scorsa settimana e quelli della seconda Commissione, riunitasi in mattinata.

Qui il dibattito sulla data del voto

Banner

 

Successivamente il Consiglio regionale ha approvato altri punti inseriti nell'ordine dei lavori odierno. Su quello, a firma dei consiglieri Dionisio Gallo (Cdl), Fausto Orsomarso (Misto) e Giuseppe Pedà (Cdl) riguardante la situazione dei lavoratori ex percettori di mobilità, sono intervenuti, sia l'assessore regionale al Lavoro ed al Welfare Angela Robbe, che il Presidente Mario Oliverio. La prima ha relazionato sui rapporti intercorsi con il Governo centrale per una qualificazione dell'attività nella prospettiva di eventuali concorsi. "Le risposte - ha detto l'assessore Robbe - sono state diverse. Quelle del Ministero dell'Università e la ricerca si sono sviluppate con l'emanazione di un bando, mentre per quanto riguarda il Ministero della Giustizia, a breve partirà il bando per la formazione che darà al termine del percorso una qualificazione dell'esperienza spendibile in caso di concorsi. Diversa - ha aggiunto - la condizione degli ex percettori di mobilità in deroga, le cui attività non prevedevano la formazione, che abbiamo richiesto ed è in corso una ulteriore interlocuzione con il Ministero di riferimento". Più nel dettaglio è entrato il Presidente Oliverio, soprattutto in riferimento alla richiesta dell'ordine del giorno, illustrato dal consigliere Nicolò (FdI) di una certificazione che valorizzi l'attività svolta da questi lavoratori. "Si tratta - ha detto Oliverio - di lavoratori oggetto di tirocini formativi. Siamo stati la prima Regione a farlo. A questo abbiamo aggiunto ulteriori spazi per la formazione, con un' impostazione innovativa perché la formazione si abbina anche alla utilità del lavoro. Anche l'indennità, che è di 500 euro al mese, è di tipo assistenziale, ma si coniuga con la formazione e con il lavoro che rende utile anche questo investimento". Oliverio ha aggiunto che è stata rinnovata la convenzione per altri 12 mesi di formazione. "Per quanto riguarda il Ministero della Pubblica Istruzione - ha aggiunto il Governatore - c'è una disponibilità a rinnovare a partire da settembre la proroga per 600. Con il Mibac abbiamo aperto una interlocuzione attraverso il segretariato. Per quanto riguarda il riconoscimento noi non abbiamo nessuna difficoltà a riconoscere un lavoro che è stato è stato fatto proprio attraverso i tirocini. Il problema è che per avere valenza legale questo riconoscimento deve essere frutto di uno specifico provvedimento del Ministero del Lavoro". Intervenendo a commento dell'ordine del giorno, Fausto Orsomarso, accusando di latitanza la Regione, ha definito utile concludere al più presto la legislatura, aprendo nel frattempo un percorso comune sul lavoro in Calabria. Il Consiglio ha approvato anche l'ordine del giorno proposto da Giuseppe Pedà e Gianluca Gallo sull'attività di sorveglianza idraulica nel territorio calabrese, quello a firma di Franco Sergio (Moderati per la Calabria), in merito all'alluvione che ha colpito Corigliano Calabro nei giorni 26 e 27 novembre 2018 e quello del consigliere Sinibaldo Esposito (Ncd) sulla chiusura delle scuole di specializzazione dell'Università Magna Graecia di Catanzaro. Approvata inoltre all'unanimità la mozione, d'iniziativa dei consiglieri Domenico Tallini (Fi) Giovanni Arruzzolo (Ncd), Giuseppe Neri (MpC) , Gianluca Gallo (Cdl), Sinibaldo Esposito (Ncd, Claudio Parente (Fi), Vincenzo Pasqua e Antonio Scalzo (MpC) sull'inserimento della Diga sul fiume Melito nel Decreto sblocca cantieri.

Banner

La seduta odierna con lo svolgimento di una serie di interrogazioni e di interpellanze. Tra queste, la mozione del consigliere Alessandro Nicolò (Misto) in ordine alla decisione della Sorical di procedere all'assunzione di 55 persone attraverso colloquio; di Gianluca Gallo (Cdl) sui ritardi nella realizzazione dell'ospedale della Sibaritide e ancora di Alessandro Nicolò in ordine alla tutela occupazionale dei lavoratori addetti al comparto aeroportuale.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner