Coronavirus. I sindacati sollecitano lo smart working anche per i dirigenti scolastici

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Coronavirus. I sindacati sollecitano lo smart working anche per i dirigenti scolastici

  16 marzo 2020 10:01

  "Alla luce del numero rilevante dei contagi e dell'invito a limitare ogni spostamento delle persone, riteniamo che i dirigenti scolastici debbano, senza alcun indugio, assicurare lo svolgimento in via ordinaria in forma agile delle prestazioni lavorative del personale dipendente, come previsto nei DPCM emanati dal Governo, limitando la presenza dei lavoratori esclusivamente ai casi in cui la presenza fisica sia indispensabile, come nel caso delle attività connesse alle attività zootecniche nelle aziende agrarie o delle istituzioni educative".

Lo affermano i maggiori sindacati della scuola, Cgil, Cisl, Uil, Gilda e Snals in una nota unitaria. I sindacati biasimano quanto avvenuto nelle Marche il 4 marzo, "con l'esposizione al contagio dei partecipanti all'incontro formativo in presenza per i dirigenti scolastici neoassunti, voluto dall'Ufficio scolastico regionale nonostante le proteste delle organizzazioni sindacali". "Per quanto riguarda il personale che non può, per le caratteristiche della professione, accedere allo smart working, ci aspettiamo dal decreto-legge, del quale si attende l'emanazione, indicazioni risolutive e rispettose delle previsioni contrattuali, già del resto presenti nella nota 323/2020 del Ministero dell'Istruzione", scrivono i sindacati della scuola.

Banner

"Anche per i dirigenti scolastici lo smart working costituisce la modalità ordinaria della prestazione lavorativa. A nostro parere, nel quadro delle disposizioni attualmente vigenti, i dirigenti dovranno assicurare la presenza nell'edificio scolastico solo quando ciò risulti del tutto inderogabile, come nel caso di attività improcrastinabili per le quali la presenza fisica del personale sia stata ritenuta indispensabile. Tutte le restanti attività di coordinamento e di gestione potranno essere svolte da remoto".  

Banner

"L'utenza - spiegano Francesco Sinopoli della Flc Cgil, Maddalena Gissi della Cisl Scuola, Pino Turi Uil, Elvira Serafini dello Snals Scuola e Rino Di Meglio della Gilda - potrà comunque rivolgersi all'istituzione scolastica tramite contatti telefonici ed indirizzi e-mail pubblicati sul sito dell'istituzione scolastica. Ridurre gli spostamenti delle persone è, al momento, l'unico modo di contrastare la diffusione del contagio. La scuola pubblica continuerà a garantire lo svolgimento della sua funzione costituzionale. Tutto il personale scolastico, dai dirigenti scolastici, ai docenti, al personale ATA, continuerà ad assicurare alle studentesse e agli studenti l'esercizio del diritto allo studio". Infine per i sindacalisti è "ineludibile un confronto preliminare con la Ministra dell'istruzione per verificare l'impatto sulla scuola delle misure contenute nel decreto legge in corso di emanazione, anche al fine di rilevare eventuali necessità di integrazione in sede di conversione".  

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner