Corso interateneo. Abramo: "Nessuno dice la verità, si è evitato un accordo con altre regioni. Il vero problema è l'integrazione degli ospedali"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Corso interateneo. Abramo: "Nessuno dice la verità, si è evitato un accordo con altre regioni. Il vero problema è l'integrazione degli ospedali"

  22 giugno 2021 17:16

La notizia era già circolata mesi fa quando fu reso noto l'accordo fra Unical e Umg per l'attivazione del corso interateneo "Medicina e Tecnologia digitale", nei giorni scorsi l'Anvur ha ufficializzato l'accreditamento.

Banner

Il sindaco Sergio Abramo è stato chiamato in causa: "Nessuno dice la verità. Quello di Cosenza è un corso per appena 30 studenti, in cui c'è anche la parte informatica fatta in sintonia con l'università di Catanzaro. I professori sono di Catanzaro, tre anni saranno a Cosenza e due anni di medicina a Catanzaro. L'Unical avrebbe potuto fare un accordo con l'università di Roma o di Napoli. Il rettore ha voluto evitare che si facessero accordi con altre regioni". 

Banner

"Le difficoltà  - ha aggiunto Abramo- potrebbero nascere solo e solamente se non si fa l'integrazione con l'ospedale Pugliese con l'università con oltre 600 posti letto sia una cosa indispensabile per mantenere i corsi di laurea e mantenere la leadership che ha la Facoltà di Medicina di Catanzaro. Il rettore ha voluto evitare che si facessero accordi con altre regioni. Il vero problema è l'integrazione. Nessuna la vuole fare né l'università né la politica". 

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner