De Sarro e i commissari della sanità: "Nessuno può mettere i piedi in faccia all'ateneo". E risponde sull'uso 'contestato' del San Giovanni

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images De Sarro e i commissari della sanità: "Nessuno può mettere i piedi in faccia all'ateneo". E risponde sull'uso 'contestato' del San Giovanni

  02 ottobre 2021 21:56

Nessuna guerra con i commissari della sanità ma "nessuno può mettere i piedi in testa all'Umg". L'utilizzo 'criticato' dei locali del San Giovanni di Catanzaro? "Una cena che si è fatta ogni anno". E' netto e risoluto il rettore Giovambattista De Sarro su un paio di temi particolarmente caldi che riguardano l'ateneo catanzarese. Il magnifico è stato intercettato da La Nuova Calabria a margine di un evento formativo a Catanzaro sulle opportunità del Pnrr.

Banner

Sui rapporti con il commissario dell'Aou Mater Domini Giuseppe Giuliano e con il commissario ad acta Guido Longo (quest'ultimo non era stato tenero secondo il verbale del Tavolo Adduce LEGGI QUI I DETTAGLI), il rettore ha risposto: "Io sono sempre al lavoro nella mia sede. Quando sono stato interpellato per andare in Regione sono sempre stato disponibile. Di solito non sono uno a cui piacciono le guerre. Cerco sempre il dialogo. Di certo non posso permettere che vengano messi i piedi in faccia ad un'istituzione che penso sia una delle più prestigiose della città di Catanzaro. Dobbiamo parlare la stessa lingua - ha proseguito-. Non mi posso occupare solo di sanità, ma devo occuparmi anche di didattica e di formazione. Ed anche di assistenza".  E a proposito di atto aziendale e protocollo d'intesa con l'ex Policlinico: "Abbiamo fatto nei termini giusti l'atto aziendale. Non ho avuto notizie di un protocollo d'intesa. Se fai l'atto aziendale poi fai il protocollo d'intesa. Un documento di base c'è. Basterebbe chiudere quello per fare poi il protocollo d'intesa. L'atto aziendale è fermo alla Regione. Penso che non andrà avanti fino al nuovo presidente e quindi poi si dovrà ridiscutere nuovamente. Non va avanti il nostro atto aziendale così come quello delle altre aziende ospedaliere della Calabria. Questo però comporta la mancata integrazione di posti di medici e para-medici di tutto il territorio".

Banner

Poi una risposta secca sulle accuse di un utilizzo non proprio 'conforme' del complesso monumentale del San Giovanni scagliate da alcuni consiglieri comunali: "I locali al San Giovanni non sono miei, sono del Comune. Li abbiamo concessi per attività culturali. Poi è stata concessa in qualche altra occasione. A proposito, ho mandato lettera al Comune, era una cosa di prassi. Venivano qui ogni anno a fare una cena alcuni Club Service di Catanzaro. Anche per utilizzare questo chiostro che è bellissimo. Non penso che tutto ciò abbia mai nuociuto ma piuttosto ha fatto conoscere agli invitati in queste cene a persone arrivate da tutta Italia".

Banner

Invece sulle opportunità concrete 'sbloccate' con i fondi del Pnrr, De Sarro ha rivelato che ci saranno: "28 posti di dottorato fra i cinque dottorati di Catanzaro e 12 ricercatori fra innovazione e green".  

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner