Dopo sei anni consegnato alloggio a marocchino con moglie e 5 figli

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Dopo sei anni consegnato alloggio a marocchino con moglie e 5 figli
aterp vibo.jpg
  30 luglio 2019 18:07

Non si è ancora sistemato definitivamente, ma da stamani ha, però, preso ufficialmente possesso della sua nuova abitazione. Quella che gli spettava da circa sei anni, da quando cioè, fece richiesta al Comune di Vibo Valentia. Da oggi, infatti, Salah Moudik è entrato in possesso dell'alloggio, regolarmente assegnatogli per come da graduatoria definitiva di assegnazione.

Per l'uomo, di origine marocchina ma con cittadinanza italiana, da ben 40 anni residente prima nel Catanzarese e poi a Vibo Valentia, con moglie e cinque figli, è passata anche la paura dello sfratto dall'appartamento in cui si trovava in affitto, in attesa di entrare nei nuovi locali.
L'Aterp ha infatti anticipato i tempi di consegna perché l'impresa ha concluso i lavori prima della data consentita dal contratto di appalto e il responsabile dell'Ufficio Patrimonio Luciano De Pascali ha proceduto alla formale consegna dell'alloggio al marocchino 55enne con passaporto italiano.  "Esprimo soddisfazione per la positiva conclusione della vicenda - ha detto il commissario straordinario di Aterp Calabria Ambrogio Mascherpa - soprattutto perché il signor Moudik Salah aveva il diritto all'assegnazione dell'alloggio perché utilmente collocato nella graduatoria di assegnazione. Non sempre è così e, spesso, siamo costretti a fare i conti con realtà dove la fuoriuscita dalle norme di legge si scontra e fa a pugni con la tutela di un diritto, come quello dell'abitare. Noi abbiamo sempre pensato che il rispetto della legge e la legittima aspirazione al bene casa si difendano contemporaneamente e che servono, mai come in questo momento, investimenti forti dello Stato sull'edilizia residenziale pubblica perché la domanda abitativa è assai cresciuta in questi anni a causa anche del progressivo  impoverimento di categorie sociali che, fino a pochi anni fa, erano tutelate da una condizione economica che, purtroppo, si è progressivamente indebolita". 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner