"Dove credi di andare?": dal 25 giugno in radio il singolo d'esordio del reggino La Malcostume

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images "Dove credi di andare?": dal 25 giugno in radio il singolo d'esordio del reggino La Malcostume

Da venerdì 25 giugno sarà in rotazione radiofonica e su tutte le piattaforme digitali “Dove credi di andare?”, il singolo d’esordio de La Malcostume.

  23 giugno 2021 10:19

Dove credi di andare? è il primo singolo de La Malcostume, ma è anche la domanda che chiunque abbia un sogno o un obiettivo nella vita prima o poi si sentirà fare. Che sia semplicemente scappare dal proprio passato, dalla propria famiglia o dalla propria terra, o che sia invece cambiare vita e iniziare a fare quello per cui si è nati e che ci tiene vivi: in entrambi i casi ci saranno ostacoli che fanno venir voglia di arrendersi e adagiarsi nell’abitudine e nella comodità della routine quotidiana. A volte sono le altre persone che sembrano far di tutto per impedire la felicità altrui, a volte invece sono vincoli nati direttamente nella nostra testa, nelle nostre insicurezze, che ci portiamo dietro da sempre.
 
Su una base electro-rock dalle atmosfere oscure e aggressive, con un ritmo martellante che ti fa venir voglia di dare una svolta alla tua giornata, e piena di quell’energia che serve a scardinare equilibri ormai stantii, La Malcostume ti accompagna quindi in questo viaggio (in parte fisico, in parte mentale) da uno stato esistenziale all’altro, in quell’unica costante della vita che è il cambiamento.
Ed alla fine l’unica conclusione che si riesce a raggiungere è che una conclusione in realtà non c’è e non ci può essere, che alla fine non resta che che vivere giorno per giorno, senza troppi piani o preoccupazioni: “se arriverò alla tua età, come sarò si vedrà..sarà possibile ritornare?

Banner

Spiega l’artista a proposito del suo primo singolo«Non c’è alcuna alternativa sei così, è la tua natura che ti impone di bruciare!».
Il videoclip ufficiale del brano è diretto da On The Roar Productions ed è una continua alternanza tra il passato (rappresentato dal bambino e dai suoi genitori) e il presente (rappresentato dal cantante perennemente in viaggio, e che non è altro che il bambino ormai cresciuto). I toni, le luci e la fotografia sono oscuri e malinconici, pur se con una forte dinamicità in linea col ritmo della canzone. Come chiarito anche dal testo della canzone, si intravede, nelle varie scene, il cerchio della vita del protagonista, che dopo numerose divagazioni e deviazioni, tende sempre più a chiudersi, con un ritorno alle proprie radici familiari e una speranza di riuscire prima o poi (una volta trovata la propria strada e pacificato il proprio cuore) a tornare alle origini, pur se adesso con una nuova consapevolezza e serenità, e avendo ben chiara la propria passione che ti tiene vivo.
 
 
Biografia
La Malcostume nasce con nome anagrafico di Marco Cardona, nel novembre del 1989, in provincia di Reggio Calabria. Dopo varie esperienze (sia live che in studio di registrazione) con la classica band adolescenziale, a 17 anni si trasferisce a Bologna per studiare, ma nel frattempo continua a suonare in svariate band della città (trovare la band giusta, come si sa, non è affatto facile, gli anni universitari sono anni di divertimenti e sperimentazioni). Nel 2015 parte il progetto che segna la svolta dal punto di vista musicale, ossia il gruppo dei “Bombay”. I Bombay durano circa 4 anni, registrano un intero EP (“abat-jour”), 4 video, aprono concerti a gruppi da loro amati (come Il Teatro Degli Orrori o i Voina), ed in generale suonano in lungo e in largo per tutta l’Italia. Dal 2019 Marco Cardona esce dal gruppo e si trasforma ne La Malcostume, il suo primo progetto musicale da solista. Nel giugno 2021, dopo essersi preparato nel bel mezzo della pandemia, esce finalmente il primo singolo “Dove credi di andare?”, accompagnato dal relativo videoclip (prodotto da On The Roar Productions), con la distribuzione di “(R)esisto Distribuzioni” e l’etichetta del MEI “Materiali Musicali”.

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner