Fatture gonfiate, “operazione Big spot”: annullata la misura cautelare contro Cardillo

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Fatture gonfiate, “operazione Big spot”: annullata la misura cautelare contro Cardillo

  14 gennaio 2021 09:50

Il Tribunale della Libertà di Catanzaro ha annullato l’ordinanza del gip di Lamezia che aveva applicato all’architetto Sandro Cardillo la misura interdittiva del divieto di esercitare professioni. L’uomo era rimasto coinvolto nell’operazione "Big spot" contro presunte fatture gonfiate.

La misura cautelare interdittiva gli è stata revocata accogliendo l’appello cautelare proposto  dagli avvocati Antonio Larussa e Matteo Calabria del foro di Lamezia Terme. L’operazione denominata “Big spot” è stata eseguita dalla Guardia di finanza nell’agosto del 2020 e aveva portato alla luce un giro di fatture gonfiate per ottenere un finanziamento comunitario. Nei confronti del 67enne di Messina il Riesame a settembre aveva annullato anche il decreto di sequestro preventivo.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner