Giornate internistiche calabresi: la Calabria punto di riferimento per la Medicina interna italiana

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Giornate internistiche calabresi: la Calabria punto di riferimento per la Medicina interna  italiana

  28 maggio 2019 16:48

Le eccellenze della Medicina Interna italiana si sono date appuntamento in Calabria per la XVII edizione del Congresso Scientifico “Le Giornate Internistiche Calabresi” presieduto dal dott. Gerardo Mancuso, direttore della SOC di Medicina Interna del Presidio Ospedaliero di Lamezia Terme dell'Asp di Catanzaro e Consigliere Nazionale della Simi.

Un momento immancabile di incontro e confronto al quale hanno preso parte tutte le Medicine Interne dei ospedali della Calabria, i direttori di 10 scuole di specializzazione di Medicina Interna nazionali, il Presidente della Societa’ Italiana di Medicina Interna e numerosi ricercatori di fama internazionale.

Banner

Molto soddisfatto il dott. Mancuso: “Abbiamo registrato un numero considerevole di presenze, a conferma dell'attenzione che c'è verso questo evento scientifico che rappresenta un riferimento per l'aggiornamento della classe medica internistica e un campo di scambio con specialisti di altre discipline.”

Grande interesse – afferma Mancuso - ha suscitato il tema scelto quest'anno 'Le questioni controverse', vale a dire le numerose decisioni cliniche non sostenute da evidenze scientifiche chiare. Questo argomento è stato affrontato scegliendo ambiti comuni della malattia clinica - le malattie cardiovascolari, quelle metaboliche come il diabete, le malattie immunitarie come l'artrite reumatoide, quelle polmonari come la bronchite cronica ostruttiva e quelle della trombosi come le trombosi arteriose e venose – che sono stati relazionati da esperti che hanno cercato di rendere più comprensibile il comportamento del medico.”

Banner

“Gli internisti, nel corso dei due ultimi decenni – aggiunge il Presidente del Congresso - hanno assunto un ruolo ed una posizione dominante sulla gestione del paziente complesso, diventando gli attori principali in questo campo. Gli internisti calabresi hanno dimostrato di avere le competenze necessarie per offrire prestazioni in linea con la media nazionale.”

Affermazione confermata ed amplificata dal presidente nazionale della SIMI (Società Italiana di Medicina Interna), il prof. Antonello Pietrangelo: “La storia della medicina interna italiana è stata fatta da internisti calabresi e, quindi, c'è una tradizione di altissimo livello. I miei complimenti al dott. Mancuso per lo straordinario evento di caratura nazionale organizzato”.

Le Giornate Internistiche Calabresi si sono concluse con la consegna di un Premio Speciale alla Carriera al prof. Francesco Perticone, docente di Medicina Interna all'Università Magna Graecia e Past president nazionale della SIMI e un Premio alla Carriera scientifica al prof. Giovanni Squadrito, docente ordinario di Medicina Interna all’Università di Messina.

 

 

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner