Gli italiani e internet: come sono cambiate le abitudini online nell’ultimo anno

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Gli italiani e internet: come sono cambiate le abitudini online nell’ultimo anno

  04 luglio 2019 12:00

Italiani popolo di santi, poeti e navigatori. Soprattutto online se andiamo ad analizzare i dati relativi al consumo di internet nel Paese nel 2020. In attesa dei dati ufficiali dei primi nove mesi del 2021 possiamo fare un’affermazione senza timore di smentite: la rete è diventata parte integrante della nostra vita e la navigazione è diventata una delle attività principali delle nostre giornate. E questo nonostante la carenza infrastrutturale che ancora si registra in moltissime regioni. Vediamo perché e come sono cambiati i consumi online degli italiani nel corso dell’ultimo anno.

Nel 2020 la total digital audience, ovvero il totale di persone connesse a internet, ha toccato la cifra record di 43,5 milioni di utenti unici al mese. Ovvero circa il 73% dell’intera popolazione e il 4,6% in più rispetto al 2019. A crescere soprattutto il numero di persone connesse da device come smartphone e tablet. Circa 38 dei 43,5 milioni di italiani hanno scelto la connessione mobile: l’85% della popolazione compresa tra i 18 e i 75 anni. Una crescita del 5,9% a cavallo tra 2019 e 2020.

Banner

A cambiare non è stato soltanto il numero di utenti connessi ma anche le metodologie e le preferenze di fruizione e i siti più ricercati. Ai primi posti tra i siti preferiti dagli italiani restano le piattaforme di intrattenimento online. Da quelle classiche come le sale giochi virtuali fino ai portali che offrono divertentissimi retro games e browser games. Una tendenza che si è consolidata con l’aumento di servizi di cloud gaming e che è destinata a durare anche per i prossimi anni quando, secondo gli esperti, basteranno un joypad, un abbonamento mensile e una buona connessione per accedere a centinaia e centinaia di giochi diversi.

Banner

I siti dedicati al gioco non sono gli unici a essere cresciuti secondo il rapporto Audiweb. Nel 2020 la categoria dei motori di ricerca ha guadagnato il 3% di utenti unici mensili rispetto al 2019, toccando l’incredibile cifra di 41 milioni. Subito dietro troviamo app e strumenti per le videochiamate e per le call di gruppo. La loro audience è stata di circa 39 milioni di utenti al mese (+5% in un anno). Restano stabili in classifica anche i social network con il nuovo arrivato TikTok a trascinare il comparto verso l’alto.

Banner

Numeri decisamente positivi anche per altre due categorie: i servizi di streaming video e i siti di news. Netflix, Amazon Prime, Disney+ e affini sono cresciuti di quasi il 5% in un anno, toccando la cifra di 38,5 milioni di utenti unici mensili. Ancora meglio hanno fatto i portali di news che hanno registrato un +7,5% rispetto al 2019. Il chiaro segnale che le persone stanno iniziando a considerare i nuovi media come la fonte principale per informarsi a scapito dei canali tradizionali come la televisione e la carta stampata.

Numeri decisamente negativi, invece, per le app di turismo, viaggi e trasporti e per le app dedicate al settore automobilistico.

Che il trend di crescita di penetrazione di internet in Italia sia destinato a durare si capisce dall’andamento dei consumi su base mensile. La crescita è stata costante mese dopo mese e ha raggiunto il picco a dicembre 2020. Nell’ultimo mese dello scorso anno gli utenti singoli che si sono connessi almeno una volta al giorno sono stati 44,7 milioni. Ovvero il 75% dell’intera popolazione. Il tempo totale trascorso online da ogni utente nel mese è stato di 66 ore e 43 minuti. Numeri impressionanti che fanno il paio con quelli delle connessioni mobile. 39 milioni di italiani si sono collegati alla reta tramite lo smartphone, quasi il 90% di tutta la popolazione maggiorenne.

Ogni giorno di dicembre le connessioni singole sono state in media più di 32 milioni mentre il tempo trascorso online nelle 24 ore è stato di 2 ore e 43 minuti. Di questi 2 ore e 18 minuti provenienti da smartphone o tablet. Tutti numeri destinati a salire con il prossimo avvento del 5G, la nuova tecnologia che promette di farci passare ancora più tempo online.

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner