Guzzo: "Domenico Montuoro, una vita spesa per la valorizzazione culturale della sua Tiriolo"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Guzzo: "Domenico Montuoro, una vita spesa per la valorizzazione  culturale della sua Tiriolo"
Domenico Montuoro
  15 gennaio 2022 13:52

di TEOBALDO GUZZO

Lunedì scorso, è venuto a mancare all’affetto dei suoi cari, non meno che al rispettoso apprezzamento della sua Tiriolo, a soli 64 anni d’età, Domenico Montuoro, scrittore, pubblicista, storico. Attento e appassionato, è stato instancabile divulgatore culturale e scrupoloso interprete della documentazione archivistica calabrese.

Banner

I frutti delle sue ricerche sono confluiti in accurati saggi e pertinenti monografie storiche, che hanno trovato ospitalità in specifiche riviste a pubblicazione periodica. Ha firmato nel 1996 il saggio Tiriolo tra medioevo ed età moderna inserito nel volume Tiriolo. Ricerche su storia e tradizioni, a cura dell’archeologo Roberto Spadea.

Banner

            Impreziosiscono i risultati delle sue ricerche, due studi, ad ampio respiro, sullo stato feudale di Tiriolo: Chronica Trium Tabernarum et de Civitate Catanzarij, ovvero la Cronaca delle Tre Taverne e della Città di Catanzaro, uscito nel 2006, il primo;  Catanzaro: dalle  origini alla monarchia Normanno-Sveva. La Contea dai Loritello ai Ruffo, edito nel 2021, il secondo.

Banner

Domenico Montuoro non ha speso la sua vita soltanto nello studio della carte d’archivio, ma ha anche offerto gran parte del tempo all’animazione culturale della sua Tiriolo. Prezioso e fruttuoso, infatti, è stato il contributo dato all’allestimento di specifiche manifestazioni popolari, quali, ad esempio, la cura dello sposalizio itinerante di Bacco ed Arianna, nell’ambito  della manifestazione estiva “Bacchanalia 2200 anni dopo”, o la partecipazione, da attore dilettante, alle periodiche rappresentazioni del dramma  sacro della Pigghiata.

Ha collaborato, come volontario, con la Soprintendenza Archeologica della Calabria in campagne di scavo e nell’allestimento dell’Antiquarium Civico.

Merita di essere anche di essere ricordata la responsabile partecipazione ad organismi elettivi, quale,  ad esempio, da presidente  dell’associazione turistica Pro Loco Tiriolo  “Due Mari”.  È stato socio ordinario della Società Napoletana di Storia Patria.

Insomma, Domenico Monturo mancherà tanto, alla comunità della “sua” Tiriolo e non solo.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner