Il corsivo giallorosso. Martinelli e Carlini: i due diversi "volti" di un derby sciupato

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Il corsivo giallorosso. Martinelli e Carlini: i due diversi "volti" di un derby sciupato

  19 dicembre 2021 17:17

di ENZO COSENTINO

Martinelli e Carlini. Le due diverse  facce giallorosse del derby. Quella triste e sconsolata del gigante della difesa, quella radiosa e felice di Massimiliano.  Un autogol che per un attimo ha oscurato definitivamente i sogni delle “aquile”, un gol miracolo che ha rimesso tutto in gioco per il Catanzaro. La sconfitta per il Catanzaro, comunque, sarebbe stata  sarebbe stata la classica beffa che “premia” la squadra che fa di meno in campo. E già perché chi ha fatto il derby, pur senza cose spettacolari, sono stati i giallorossi. Occasioni da gol sciupate tante. E la tifoseria sogna un bomber. Potrebbe essere in arrivo col treno che sosterà a Catanzaro in occasione del mercato di gennaio. E sarebbe un bel “pacco” (non nel senso dispregiativo del termine) per la meravigliosa tifoseria giallorossa.

Banner

Il derby con la Vibonese sia all’inizio che alla fine ha sollevato un interrogativo: perché Carlini in panchina ad inizio gara? Non sono fatti nostri: rientrano solo e soltanto nella sfera delle competenze di mister Vivarini. Importante è che Massimiliano abbia risposto “presente” quando è stato chiamato per andare in campo. Senza di lui forse avremmo acceso i “lumini” piuttosto che le allegre, scintillanti “luci di Natale”. Buon panettone a tutti i giallorossi. Quelli che vanno in campo e quelli che vanno sugli spalti. Una fetta più grande per chi va anche sui campi esterni.

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner