Il soccorso alpino e speleologico Calabria alla X edizione della Dolomiti Rescue race

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Il soccorso alpino e speleologico Calabria alla X edizione della Dolomiti Rescue race

  02 ottobre 2021 19:50

Si è svolta oggi, a Pieve di Cadore (BL), la X edizione del Dolomiti Rescue Race. La gara nazionale ed internazionale  riservata ai componenti di enti ed associazioni di soccorso in montagna e in grotta, che devono superare prove tecniche e di resistenza; la gara ha previsto la partecipazione di squadre formate da 4 componenti  ciascuna, tutte dotate di materiale tecnico individuale e di gruppo.

 

Banner

Ben 70 squadre iscritte tra cui, per la prima volta in assoluto, una squadra di tecnici, Mario STOCCHETTI, Ernesto PERRI, Giulio LAVIGNA, Francesco MAZZEI, appartenenti alla Stazione Sila LORICA del Soccorso Alpino e Speleologico Calabria. “Motivo  di grande orgoglio e  soddisfazione vedere dei nostri tecnici impegnati in questa importantissima gara sulle Dolomiti del Cadore. Non solo una gara, prettamente, sportiva ma anche incontro, condivisione e confronto con altri componenti del Soccorso Alpino e Speleologico d’Italia e del mondo. Ha commentato il Presidente del Soccorso Alpino e Speleologico Calabria, avv. Giacomo Zanfei.

Banner

 

Banner

Dalla partenza a Praciadelan, nel Comune di Calalzo di Cadore, è stato previsto un dislivello positivo di 1230 metri, di cui 250 metri di cresta rocciosa esposta, ma opportunamente attrezzata. La discesa è stata effettuata con calata in corda doppia oltre cinquanta metri fino al sentiero. Lungo  il percorso sono state eseguite diverse prove tecniche di soccorso. Prima dell’arrivo, ogni squadra ha dovuto assemblare la propria barella e tagliare il traguardo trasportandola.   

 

Una bellissima manifestazione ed una grandissima organizzazione” ha commentato Mario Stocchetti, partecipante alla Dolomiti  Rescue Race  e responsabile della stazione di Soccorso Alpino e Speleologico Calabria Sila Lorica, “una gara  molto impegnativa dal punto di vista fisico ma che, oltre alla fatica, ci ha dato  grande soddisfazione. Un’esperienza che non si potrà dimenticare e assolutamente da rifare.”

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner