La Scuderia Ferrari Club di Catanzaro quinta nella classifica mondiale. Il presidente Tiriolo: "Grande soddisfazione"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images La Scuderia Ferrari Club di Catanzaro quinta nella classifica mondiale. Il presidente Tiriolo: "Grande soddisfazione"
Mimmo Tiriolo
  08 gennaio 2021 13:39

di CLAUDIA FISCILETTI

Ha ormai fama mondiale la Scuderia Ferrari Club di Catanzaro che, per il sesto anno, si classifica nella Top ten del ranking mondiale dei 240 club dedicati, nel resoconto stilato da Ferrari. Quest'anno il club del capoluogo si è posizionato al quinto posto, facendo conoscere sempre di più non solo la Calabria ma anche la città di Catanzaro. "E' una grande soddisfazione", ha affermato Mimmo Tiriolo, presidente della Scuderia e delegato regionale dei Ferrari Club presenti sul territorio.

Banner


Mimmo Tiriolo e Piero Ferrari

La Scuderia di Catanzaro è la più longeva in Calabria (è nata nel 1982 e nel 1985 lo stesso Enzo Ferrari a concesse lo status ufficiale di Club Ferrari) e, con la chiusura del 2020, conta 400 soci. Premiato già a Maranello nel 2016, per essere il club con il più alto incremento di soci, si distingue a livello territoriale e mondiale anche per il suo grande coinvolgimento nelle attività solidali, dimostrando che Ferrari non è solo sport e lusso, ma è molto altro. "Siamo un'associazione non a scopo di lucro e per noi è importante svolgere tali attività, ne siamo contenti"; spiega Mimmo Tiriolo che, con il club, già dopo il primo lockdown si è attivato per una raccolta fondi destinati all'Ospedale Civile di Catanzaro, ma è solo una delle iniziative solidali promosse nel corso degli anni, quali quelle per la Casa del Sollievo Natuzza Evolo, per il Centro Oncoematologico Pediatrico di Catanzaro, a citarne solo alcuni.

Banner

Nel 2019, poi, a confermare la fama mondiale di cui si fregia il club Ferrari di Catanzaro, il presidente Tiriolo ha consegnato all'ingegnere Nicola Materazzi il premio alla carriera: "Una figura importantissima che ha progettato, tra le tante, la Ferrari 288 GTO e la Ferrari F40", ha continuato Mimmo Tiriolo che poi lancia uno sguardo alle attività future del club: "Covid19 permettendo abbiamo in progetto di fare altri eventi Ferrari e, sicuramente, continueremo con le nostre iniziative solidali". 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner