Lamezia, atti nelle mani delle cosche: avvocato assolto

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Lamezia, atti nelle mani delle cosche: avvocato assolto
Il Tribunale di Catanzaro
  17 luglio 2019 17:14

LAMEZIA TERME - L'avvocato 47enne lametino, Gianluca Careri è stato assolto con formula  ampia perché il fatto non sussiste dall'accusa di aver fornito strumenti di  comunicazione ad un affiliato del clan Cerra-Torcasio-Gualtieri. Il Gup di Catanzaro,  Pietro Carè, ha così accolto la tesi del difensore, Francesco Gambardella. La richiesta  per l'imputato era di un anno e quattro mesi di reclusione. I fatti si riferiscono ad  un'inchiesta della Dda e, in particolare stando all'impianto accusatorio, l'imputato  avrebbe messo a disposizione di Antonio Miceli esponente della cosca le conoscenze  di atti acquisiti in occasione dello svolgimento del proprio mandato  difensivo di altri affiliati della cosca, Luigi Vincenzini e Pietro De Sarro, arrestati  il 26 ottobre 2016 per una vicenda che li vede coinvolti nell’operazione Crisalide  con lo stesso Miceli ed un altro affiliato.

a.c.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner