Lamezia, saccheggiato ripetitore Vodafone. Refurtiva recuperata al campo Rom

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Lamezia, saccheggiato ripetitore Vodafone. Refurtiva recuperata al campo Rom
I carabinieri di Lamezia Terme durante l'intervento di recupero della refurtiva
  04 luglio 2019 16:20

di ANTONIO CANNONE 

Importante ritrovamento da parte dei carabinieri di Lamezia Terme che hanno, in poco tempo, recuperato nei pressi del campo Rom cittadino, alcune costose batterie utili al funzionamento di un ripetitore della compagnia telefonica mobile, Vodafon. Si tratta di batterie di alimentazione dedicate alle operazioni di backup per un valore stimato di circa 10.000 euro. Questo il bottino portato a casa dai malviventi che hanno “depredato” la delle stazioni radio base della società Vodafone che interessa il territorio di Lamezia Terme. Secondo quanto reso noto dai militari dell’Arma, infatti, i noti ripetitori sono dotati di antenna a settore ricetrasmittente che servono i terminali mobili degli utenti coprendo una determinata area geografica fornendo il segnale di rete.

I carabinieri della Compagnia di cittadina, guidata dal capitano, Pietro Tribuzio,  hanno avviato immediate ricerche partendo proprio dal luogo del furto e battendo tutte le vie di fuga plausibili che avrebbero potuto percorrere i malfattori. A poche centinaia di metri dal citato ripetitore, però, sorge l’ormai famigerato campo Rom di Scordovillo, uno fra i più grandi del meridione, spesso oggetto di attenzione da parte delle forze dell’ordine. Proprio qui si sono concentrati gli sforzi dei militari che hanno rastrellato le zone del citato insediamento potenzialmente idonee a celare la refurtiva in disamina e, abilmente occultate sotto strati di detriti e lamiere, sono state rinvenute le costose batterie, recuperate e restituite alla società proprietaria.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner