L'appello a Mattarella: "Elezioni regionali decisive per esprimere programmi e candidati all’altezza per recuperare al più presto condizioni di normalità"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images L'appello a Mattarella: "Elezioni regionali decisive per esprimere programmi e candidati all’altezza per recuperare al più presto condizioni di normalità"
Una persona al voto
  17 dicembre 2020 15:02

Egregio Signor Presidente,

ci rivolgiamo a Lei “grande consigliere, magistrato di persuasione e di influenza”, veste con cui Meuccio Ruini nei lavori preparatori della Costituente definì la figura del Capo dello Stato, nell’ambito della prerogativa, fondante la nostra Repubblica, di rappresentare l’unità nazionale.

Banner

Un’unità nazionale che i nostri Padri Costituenti hanno basato su alcuni principi che, per l’inedito momento che il mondo intero e il nostro Paese stanno attraversando, acquistano grande rilevanza e straordinaria attualità e che, dunque, giova richiamare: il lavoro, i diritti individuali e i doveri di solidarietà politica, economica e sociale, la pari dignità, l’uguaglianza difronte alla legge, la tutela della salute come diritto dell’individuo e interesse della collettività, la libertà dell’arte e della scienza.

Ci rivolgiamo a Lei, donne e uomini liberi della Calabria, impegnati a promuovere e diffondere i valori universali della cultura, dell’arte e della solidarietà sociale, consapevoli che l’unità del Paese, affermata sulla Carta Costituzionale, vada resa tangibile oggi da un’adeguata azione delle Istituzioni democratiche e dalla partecipazione attiva di ogni cittadino alla vita della propria comunità.

Banner

La pandemia da Covid 19 ha messo a dura prova il sistema sanitario nazionale, ma la Calabria è divenuta inizialmente zona rossa (DPCM del 5 novembre 2020) non per la diffusione dei contagi, bensì per le mancanze strutturali dei propri servizi sanitari già collassati dopo oltre dieci anni di gestione dei commissari governativi.

Riteniamo importante sottolineare come la crisi sanitaria calabrese non è casuale.

E’ innanzitutto l’esito di politiche volte al progressivo “smantellamento” dei presidi sanitari territoriali pur dotati di eccellenti professionalità mediche; è anche conseguenza di una cattiva gestione strutturale e amministrativa, ma si configura oggi – cosa più grave – come il paradigma di un rapporto tra lo Stato, la Calabria e il Sud d’Italia più in generale che si è manifestato inadeguato e spesso punitivo.

Tale situazione è divenuta ormai insostenibile ed esige oggi una decisa inversione di tendenza per assicurare una più giusta valorizzazione delle risorse e delle capacità di questi territori e, soprattutto, per mettere fine alle generalizzate diseguaglianze regionali, a partire dalla attuale, iniqua, ripartizione della spesa pubblica tra regioni del Paese, che la stessa Commissione Europea ha di recente dichiarato inaccettabili.

Ella sa, Signor Presidente, da italiano di origini siciliane, che la questione meridionale non può essere assimilata ad una questione criminale, dal momento che la necessaria azione di prevenzione e contrasto della criminalità organizzata non può avere successo se non viene accompagnata da adeguate politiche di sostegno delle tante intraprese produttive, culturali e formative che hanno resistito all’urto del malgoverno e della corruzione guardando oltre, in direzione del Mediterraneo e dell’Europa. E sa che la riqualificazione e il potenziamento delle reti infrastrutturali e il sostegno all’ innovazione e alla modernizzazione sono indispensabili per arrestare la diaspora dei nostri giovani, in gran parte laureati, e porre un argine al pericoloso aumento della povertà della popolazione residente, in particolare nelle aree urbane.

In un contesto siffatto i Calabresi saranno chiamati a rinnovare il proprio Consiglio Regionale e ad eleggere il Presidente della Giunta. A nessuno può sfuggire l’importanza di questo passaggio in un momento così complesso ed impegnativo della vita sociale. Tutti siamo interessati a far emergere, attraverso il libero confronto tra forze politiche ed attraverso il voto, le migliori capacità di autogoverno e, anche per questa via, assicurare e rinnovare la “sovranità democratica” della Repubblica in Calabria.

Ma i Calabresi si apprestano a votare in periodo di pandemia e di difficoltà diffuse che si stanno progressivamente aggravando, con la metà dei giovani (15-30 anni) che non lavora, con un indice complessivo della disoccupazione del 21% (tra i più alti delle regioni europee) e con un astensionismo registrato nelle elezioni regionali del 2019 pari al 56% degli aventi diritto al voto. Una combinazione di fattori critici che rischia di allontanare ulteriori fasce di popolazione dalla partecipazione democratica e favorire la pratica inaccettabile del voto di scambio.

Diventa, dunque, cruciale la funzione dei partiti politici nella selezione dei candidati. Essi dispongono di norme, come il codice di autoregolamentazione sulle liste dei candidati recentemente aggiornato dalla Commissione parlamentare antimafia, volte a tutelare il profilo etico delle proprie rappresentanze. Ma ciò non basta. Chi sarà chiamato a governare questa regione dovrà affrontare ataviche emergenze strutturali e, al tempo stesso, dovrà proporre soluzioni per uscire dall’emergenza con il pensiero rivolto al futuro.

C’è bisogno allora di competenze, di condivisione d’intenti, di solidarietà, di rispetto dei ruoli e delle differenze di opinione, di collaborazione tra i diversi livelli istituzionali e di un forte richiamo ad un rinnovato spirito di unità democratica.

Prospettiamo quindi alla Sua attenzione l’opportunità di far pervenire, sin da subito, ai partiti politici ed ai loro responsabili nazionali  - nelle forme e con le modalità che riterrà più opportune - un invito a considerare l’appuntamento delle prossime elezioni regionali della Calabria, non un’occasione di “conquista” da far pesare negli equilibri di potere, ma un appuntamento decisivo per esprimere programmi e candidati all’altezza del governo di una comunità regionale che vuole recuperare al più presto condizioni di normalità e fornire, grazie alle proprie risorse umane e materiali ed alla sua centralità nel Mediterraneo, un autonomo contributo allo sviluppo dell’intero Paese.

Siamo parte di una realtà regionale che esprime grandi fermenti culturali, notevoli livelli di professionalità, importanti doti di solidarietà ed altruismo.

Confidiamo nella Sua sensibilità democratica e nella Sua attenzione verso i Calabresi.

A Lei inviamo i segni della nostra alta stima e considerazione.

 

Circolo culturale Rhegium Julii                          firmato Dott. Giuseppe Bova

Fondazione Mediterranea                                   firmato Dott. Vincenzo Vitale

Associazione Anassilaos                                       firmato Dott. Stefano Iorfida

Associazione culturale Nicola Spadaro            firmato Prof. Franco Palumbo

Associazione Italia Brasile                                   firmato Avv. Antonio Vitale

Associazione Calabria Spagna                          firmato Dott.ssa Rosa Fontana

Associazione Città della Piana                                       firmato Armando Foci

Accademia del tempo libero                                 firmato Dott. Silvana Velonà

Centro internazionale scrittori firmato    firmato Prof. Loreley Rosita Borruto

Comunità competente                                             firmato Dott. Rubens Curia

Amici Casa della cultura Leonida Repaci           firmato Dott. Rocco Militano

Touring Club Reggio Calabria                   firmato Dott. Domenico Cappellano

Club UNESCO Domenico A. Cardone             firmato Prof. Marisa Militano

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner