L'Asp vuole indietro 17,3 milioni dal S. Anna e da un'altra società. Il CdA: "La clinica è estranea, causa temeraria"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images L'Asp vuole indietro 17,3 milioni dal S. Anna e da un'altra società. Il CdA: "La clinica è estranea, causa temeraria"
Gianni Parisi
  18 giugno 2021 18:10

L'Asp di Catanzaro di Catanzaro ha deciso di procedere con un atto di precetto nei confronti del Sant'Anna Hospital e della società Opera Spv (LEGGI QUI LA NOTIZIA).

Il presidente del CdA della clinica, Gianni Parisi, precisa quanto segue: "Trattasi di ripetizione di causa già da tempo pendente che vede estranea Villa S. Anna dal momento che gli importi sono stati liquidati dall’Asp direttamente alla Società Opera. La ulteriore “strana” coincidenza con l’attuale momento chiaramente è sintomo della pervicace volontà dell’Azienda Sanitaria di andare contro la struttura anche quando questa nulla c’entra con il pagamento fatto dalla stessa Azienda ad altro soggetto".

Banner

"D'altronde - prosegue Parisi- la infondatezza della "temeraria" azione dell'ASP è certificata dal motivato rifiuto del legale che li assisteva a procedere con l'azione legale nei confronti del S.Anna SpA". 

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner