L'associazione I Quartieri diffida Oliverio: "Si voti il 23 novembre"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images L'associazione I Quartieri diffida Oliverio: "Si voti il 23 novembre"

  13 luglio 2019 09:15

La politica regionale pare intenzionata a prolungare al massimo (febbraio 2020) la durata della legislatura. L'associazione I Quartieri non ci sta e con una diffida al presidente Oliverio chiede di non superare la data "invalicabile" del 23 novembre. Di seguito la nota integrale.

"Esiste un principio che tutti devono rispettare, quando il terreno di gioco è la democrazia. Questo impone che le regole scritte si rispettano e che non si devono fare delle forzature. Mai.

Banner

Fare delle forzature delle regole democratiche, di fatto costituisce un tentativo di reato, quello che si chiama golpe, che assume ancora di più le connotazioni del pericolo, quando potrebbe commetterlo colui che è la massima espressione democratica – il Presidente della Regione Calabria - cui si richiama il voto dei calabresi.

Banner

La Calabria ha voglia di normalità e chiede il rispetto univoco delle regole, siano esse democratiche e non. Siamo assolutamente stanchi di dare sempre un immagine a tinte fosche di questa terra, bella e maledetta. Maledetta dai suoi stessi figli che continuano a depredarla, spostando nel tempo, come fosse un gioco di società, quel momento di riscatto e di dignità che le appartiene di diritto, per le intelligenze che coltiva e per una storia autentica, che non può essere solo un ricordo.

Banner

Su questi presupposti e su fondamenti giuridici, meglio specificati nell’allegato, abbiamo conferito mandato all’Avv. Gaetano Liperoti dello Studio Pitaro di Catanzaro, di inoltrare formale diffida stragiudiziale all’On. Mario Oliverio quale Presidente della Regione Calabria ad adempiere ai dispositivi di legge che indicano nella prossima data 23 Novembre 2019 la naturale scadenza del mandato elettorale.

La data del prossimo 23 Novembre è un limite invalicabile per le regole democratiche, spostare senza motivo l’appuntamento elettorale per i calabresi, sarebbe senza alcuna giustificazione una forzatura democratica, un colpo di mano, che certamente avrebbe diverse conseguenze sotto profili diversi del non rispetto delle regole".

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner