"L'Autonomia inserita in Costituzione dai padri costituenti? Siamo al tragico-barzelletta"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images "L'Autonomia inserita in Costituzione dai padri costituenti? Siamo al tragico-barzelletta"
Mena Matragrano Greco
  28 luglio 2019 18:38

di MENA MATRAGRANO GRECO

"Fontana, Imperatore di tutte le Lombardie, in una recente puntata di ”IN ONDA” su LA7, assiso sul Suo Scranno con tutti i vessilli del caso avendo però, ahi lui, omesso di porsi il Manto di Ermellino in spalla, con fare oltremodo sufficiente e con movimenti delle mani improntate alla palese regalità, lanciava di quando in quando, invettive contro un Sergio Rizzo, che, sebbene quasi “rannicchiato in un angolo”, tentava di mostrare di pensarla diversamente da lui quanto ad effetti e ricadute della Autonomia Differenziata sull’ordinamento dello Stato.
Egli, Rizzo, in una parentesi guadagnata in un attimo fuggente, ha contestato al Sire che “tutti e tre: Lombardia, Veneto e pure Emilia Romagna, ve ne state andando! ”, agitando la mano in segno di “andare fuori dallo Stato”, dunque, secedere !
Naturalmente il tentativo di intavolare una seria discussione a riguardo è immediatamente naufragato poiché il povero Rizzo è stato investito da un’orda di semi-improperi per cui ha provvidamente desistito!
Questa non è più una questione di solo Sud, bensì di sopravvivenza dello Stato Italiano che sembra non avere colto ed interessare alcuno: si procede e basta! Anche chi ci capisce qualcosa come Galli Della Loggia, il sociologo Revelli o lo stesso Rizzo, ha la bocca semi-tappata e le mani legate.
Le cose sono arrivate al punto che non resta altro che mandare improperi a quella Sinistra capeggiata da Massimo D'Alema, che con la legge Bassanini varò la Modifica del Titolo V: improperi per sempre!
Hanno contribuito a distruggere lo Stato per inseguire i voti leghisti! E chi fino ad oggi ha magnificato la intelligenza politica di D’Alema, secondo me, da domani farà bene a riparare fuori dai confini di quello che resterà dell’Italia.
Da ultimo, il Sire, con molto sussiego, voleva perfino spacciare l’Autonomia come “inserita in Costituzione dai Padri Costituenti”: questi pretendono di vendere la Fontana di Trevi al resto del Mondo, ma lì in studio lo hanno invitato con relativa metafora, a scendere dallo Scranno ed correggere l’album dei Suoi Fantasiosi Ricordi poiché, “SEMMAI AD INSERIRE L’AUTONOMIA IN COSTITUZIONE, FURONO I NIPOTI DEI PADRI COSTITUENTI, QUELLI DELLA MODIFICA DEL TITOLO V”: così Sergio Rizzo!
Siamo alla tragico-barzelletta...
... Bellezza!"

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner