Lavoratori di Leonardo trasferiti da Lamezia in Sicilia. Lo Papa (Fisascat Cisl):"Decisione scellerata"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Lavoratori di Leonardo trasferiti da Lamezia in Sicilia. Lo Papa (Fisascat Cisl):"Decisione scellerata"
Il segretario regionale Fisascat Cisl Fortunato Lo Papa
  05 gennaio 2021 20:39

Inizia con la comunicazione tout court di un trasferimento il 2021 per i lavoratori della Leonardo Spa della sede di Lamezia Terme. Dopo diversi sit-in affiancati dalla Fisascat Cisl regionale per chiedere di accedere agli ammortizzatori sociali, la cooperativa con la quale sono assunti in subappalto, l’Ancr, ne ha disposto tramite lettera il trasferimento a partire dal sette gennaio nelle sedi di Catania.

 «Una decisione scellerata e inaccettabile – afferma il segretario generale Fortunato Lo Papa - che mortifica i lavoratori e che ancora una volta passa inosservata agli occhi di una multinazionale come la Leonardo Spa.  Un’azienda italiana attiva nei settori della difesa, dell'aerospazio e della sicurezza, il cui maggiore azionista è il ministero dell'Economia e delle Finanze, non può stare a guardare quanto succede nelle realtà a cui ha dato in subappalto il servizio di portierato».

Banner

 Il settore è stato affidato prima alla SicurItalia, anch’essa un colosso, che poi lo ha a sua volta subappaltato alla cooperativa siciliana. «Si sta giocando da troppo tempo sulla pelle dei lavoratori – incalza Lo Papa – padri di famiglia che attendono ancora diverse mensilità e la liquidazione da parte della cooperativa con la quale erano assunti in precedenza. Lavoratori trattati come pedine, messi a lavorare per sei giorni al mese e costretti così a portare a casa una miseria. Ora, dopo i ripetuti appelli affinché potessero godere degli ammortizzatori sociali, il trasferimento. Oltre al danno la beffa!»

Banner

Il tutto mentre i lavoratori sono stati costretti ad utilizzare tutti i giorni di ferie disponibili e non hanno un contratto che rispecchi quanto previsto dal Ccnl. «Basta giocare sulla pelle di chi lavora  - conclude Lo Papa - e si suda il salario. La Leonardo Spa non permetta questi “giochetti” e queste violazioni di diritti. I lavoratori hanno il diritto di rimanere nella loro terra».

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner