L'Italia della Biodiversità

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images L'Italia  della Biodiversità

  27 maggio 2019 11:41

 L’Italia della Biodiversità, dell’Archeologia, della Geologia, ma anche delle antiche mulattiere. Iniziate le Giornate nazionali delle guide ambientali escursionistiche. Da oggi altri 100 eventi verso la Festa della Repubblica e la Giornata dei Piccoli Borghi. “Sarà l’Italia della Biodiversità, dell’Archeologia, della Geologia. L’Italia è tra i Paesi europei più ricchi di biodiversità. La varietà di condizioni bio-geografiche, geo-morfologiche e climatiche che caratterizza il suo territorio fa di essa una straordinaria area di concentrazione sia di specie, sia di habitat. In Italia sono stati identificati diversi punti “ad alta densità” di biodiversità di importanza planetaria come quelli localizzati nelle isole tirreniche, nelle Alpi Marittime e Liguri, senza contare altre aree, quale ad esempio la catena appenninica, caratterizzate da un elevato numero di specie endemiche. Per la biodiversità animale si stima che in Italia vi siano 58.000 specie ,il più alto numero in Europa! La fauna terrestre è costituita da circa 42.000 specie finora identificate, di cui circa il 10% sono di particolare importanza in quanto specie endemiche. Vi sono in Italia più di 9.000 specie di fauna marina. Non andiamo male sulla biodiversità del mondo vegetale. La flora vascolare italiana - ha affermato Davide Galli, Presidente Nazionale delle Guide Ambientali Escursionistiche Aigae - comprende quasi 7.000 specie, di cui il 16% sono specie endemiche. L’Italia è anche particolarmente ricca di foreste. In totale le foreste coprono circa un terzo del territorio nazionale. Un’estensione così elevata di boschi non è mai stata riscontrata fino ad oggi nelle statistiche! Un patrimonio che spesso è a rischio. Sono 1020, circa il 15% del totale, le specie vegetali superiori che ora sono minacciate di estinzione. Va peggio per le piante inferiori, il 40% di alghe, licheni, muschi, felci è in pericolo. Per le specie animali, la metà dei vertebrati presenti in Italia è minacciata d’estinzione, circa un quarto degli uccelli sono a forte rischio di estinzione. A stare peggio di tutti sono gli anfibi: due specie su tre sono minacciate. Noi porteremo a conoscere questo mondo. L’Italia dell’Archeologia e dei Beni Culturali non sfigura. Infatti deteniamo più del 50% di siti Patrimonio dell’Umanità. Non va male neanche per il patrimonio geologico. L’Italia è seconda in Europa, terza al Mondo dopo Cina e Spagna per numero di Geoparchi di cui molti sono Patrimonio Unesco. Ben 134 sono i Parchi Regionali, 26 i Parchi Nazionali, poi ci sono le Riserve Naturali, le Aree Marine Protette. Noi faremo conoscere questo mondo”.  Le Giornate Nazionali delle Guide Ambientali Escursionistiche si concluderanno il 2 Giugno.

Sulla linea tettonica in Friuli. Con gli speleologi invece nel ventre della Sicilia.

Banner

“Durante le Giornate Nazionali delle Guide Ambientali Escursionistiche che termineranno il 2 Giugno – ha proseguito Galli - in Friuli escursione geologica sulla linea tettonica che evidenzia il movimento delle placche nell’area friulana. La presenza di estese coperture sedimentarie di origine glaciale, permetterà di affrontare la tematica dei cambiamenti climatici avvenuti negli ultimi 100.000 anni. In Sicilia con gli speleologi la stampa potrà andare alla scoperta delle Grotte D’Acqua. Con stivali in gomma e caschetto dotato di illuminazione scenderemo in uno dei percorsi speleologici più affascinanti che nasconde panorami sotterranei alla Verne. Poi passeggeremo anche lungo le principali Necropoli situate nei pressi del centro storico di Sant’Angelo Muxaro . In Campania, il 1 Giugno invece puliremo il sentiero dei Trezeni nella Baia di Trentova. A largo di Agropoli, il 2 Giugno usciremo in canoa ed esploreremo i fondali marini. I sub si immergeranno per regalarci in diretta spettacolari immagini e pulire davanti a noi gli stessi fondali con riprese uniche in grado di farci ammirarne la biodiversità . Si proseguirà lungo le coste di Agropoli dando particolare rilievo all’aspetto geologico, visiteremo il porto romano e vedremo le riprese sub, dal vivo, della “Posidonia marina”. In Emilia – Romagna in collaborazione con l’ Ecomuseo di Argenta, Comune di Argenta, andremo a piedi lungo gli argini delle Casse di Espansione del Po. Orti, oliveti, vigneti ricchi di colori e profumi tipici della stagione sul Golfo Dianese in Liguria.

La più importante stazione di inanellamento scientifico per il monitoraggio dell’avifauna

Banner

“In Piemonte c’è una stazione molto importante di inanellamento scientifico per il monitoraggio dell’avifauna e noi la visiteremo all’interno della Palude di Casalbeltrame, un’oasi naturale tra le risaie molto importante per gli uccelli stanziali e di passo, sede di una delle principali stazioni di inanellamento scientifico piemontesi. Si potrà assistere da vicino alle operazioni di inanellamento – ha dichiarato Galli - il metodo di studio e monitoraggio dell’avifauna che permette di valutarne la presenza e seguirne gli spostamenti. Poi LA NATURA NEL PIATTO, escursione grazie alla quale, in provincia di Cuneo, andremo alla ricerca delle erbette selvatiche commestibili e delle ricette culinarie”.

In Sardegna a Capoferrato c’è il Sentiero Geologico e lo vedremo il 2 Giugno. In Piemonte c’è una stazione molto importante di inanellamento scientifico per il monitoraggio dell’avifauna e noi la visiteremo all’interno della Palude di Casalbeltrame, un’oasi naturale tra le risaie molto importante per gli uccelli stanziali e di passo, sede di una delle principali stazioni di inanellamento scientifico piemontesi. Si potrà assistere da vicino alle operazioni di inanellamento il metodo di studio e monitoraggio dell’avifauna che permette di valutarne la presenza e seguirne gli spostamenti.

L’Archeologia Sperimentale Divulgativa in Calabria. In Italia c’è un Museo dedicato alla Tradizione Bizantina e lo vedremo.  Nelle stesse ore la cascata dello “schiccio” di Peristerea e sempre nelle stesse ore trekking sulle Colline di Pentimele in Aspromonte

“In Calabria settimana tra biodiversità e Archeologia divulgativa. Il 2 Giugno escursione lungo il letto della Fiumara San Pasquale. Raggiungeremo la cascata della “schiccio” di Peristerea. Saremo a Bova Marina dove ancora oggi si parla il Greco Antico. Nelle stesse ore a Frascineto, Giornata dedicata all’Archeologia Sperimentale Divulgativa con visita al visita al Museo Comunale delle Icone – ha dichiarato Davide Galli -  e della Tradizione Bizantina, poi scheggiatura della selce, accensione del fuoco, lavorazione dell’osso e della pietra, archi e frecce, produzione tessile nell’antichità. Nelle stesse ore ancora nel Parco Nazionale dell’Aspromonte trekking sulle Colline di Pentimele che sovrastano la città di Reggio Calabria, formano incredibili vallate e spaziano i superbi paesaggi sullo Stretto di Messina.

In Lombardia nel Parco del Lambro c’è un antico Mulino e lo vedremo in compagnia degli antichi mestieri.

In Italia abbiamo dei veri scrigni tutori della cultura del Medioevo che sono immersi addirittura in Riserve Naturali. E’ il caso ad esempio del borgo di Castel S.Pietro con i suoi antichi mulini, il lavatoio, i muretti a secco, le cascine tradizionali. Vedremo tutto. Il territorio quello di Morimondo, invece, presenta moltissime bellezze naturalistiche, storiche e agricole. Durante le Giornate Nazionali delle Guide Ambientali Escursionistiche conosceremo da vicino le marcite, le risorgive e tutti quei vegetali che si utilizzavano per la cura e l’alimentazione si dai tempi dei monaci Cistercensi che qui hanno fondato la loro Abbazia.

La vecchia mulattiera nella Valle del Sempione. Il Sentiero dedicato alla Civiltà del Legno nella Val Grande.

Lungo la Valle del Sempione c’è una vecchia mulattiera che unisce Iselle con Trasquela. Ecco che conosceremo i ciliegi di Trasquera, con la ricetta perduta del liquore Kirsch. L’Archeologia Sperimentale Divulgativa in Calabria. Nelle stesse ore la cascata dello “schiccio” di Peristerea e sempre nelle stesse ore trekking sulle Colline di Pentimele in Aspromonte Nella Val Grande c’è un Sentiero dedicato alla Civiltà del Legno”.

In Puglia su punterà molto sulla difesa della Biodiversità - Il 1 Giugno #PlasticFromSea, PER PROTEGGERE LE TARTARUGHE E IL NOSTRO MARE a – Serranova in provincia di Brindisi il 1 Giugno. In spiaggia trasformeremo i rifiuti in opere d’arte.

“Lungo le spiagge dell’Area Marina Protetta di Torre Guaceto condurremo adulti e bambini alla scoperta della biodiversità della riserva tramite i resti di organismi viventi trovati in spiaggia e contribuiremo alla pulizia del litorale raccogliendo i rifiuti in plastica. Al termine dell’escursione un laboratorio manuale di costruzione – ha dichiarato Davide Galli - e rielaborazione in chiave artistica dei rifiuti raccolti.

Sul Monte Pizzuto – Con Neolitico e Antiche Mulattiere e panorami straordinari sulla Piana degli Oliveti della Puglia - Sabato 1 Giugno – Tra cielo e mare. Saremo lungo antiche mulattiere, con un panorama mozzafiato, caratterizzato dalla piana olivetata che degrada verso il mare. Ed ancora nelle Marche c’è un borgo, quello di Braccano dove sarà possibile osservare mille colori. Saliremo fino alla Gola di Jana per raggiungere l’antica ed oramai abbandonata Abbazia di Roti attraverso un fitto bosco fino a raggiungere i verdi prati punteggiati dalle orchidee selvatiche.

In Sardegna Capoferrato il Sentiero Geologico – Domenica 2 Giugno – a Muravera

A Capoferrato c’è il Sentiero Geologico e lo vedremo. Si partirà dal Ceas Naturalia di fronte alla spiaggia di Porto Pirastu di Costarei da quota zero per arrivare alla cima del Monte Ferru a 300 mt, uno degli ultimi vulcani della Sardegna risalente a 5-10 milioni di anni fa.

Poi i TRA I TACCHI DI ULASSAI . Pareti calcaree meta di arrampicatori di tutto il mondo. Saremo nel territorio di Ulassai il 31 Maggio . Attraverseremo il canyon di Sa Tappara che, con le sue spettacolari pareti calcaree, è meta degli arrampicatori di tutto il mondo. Continueremo a salire nel cuore dei tacchi tra grotte, punti panoramici e verdi boschi di leccio. Ad Ogliastra ci sono delle vere Piscine Naturali e le vedremo. Tra mare e montagna il nostro trekking si snoderà attraverso vecchi sentieri e carrarecce che si affacciano sul mare per poi rientrare nel cuore del Monte Ferru per ammirare le splendide piscine naturali incastonate roccia e circondate da una vegetazione rigogliosa. In Toscana ai piedi delle Apuane, scopriremo due borghi di crinale tra i più panoramici della Valle del Frigido, ricchi di fascino e storia. Dal centro di Massa risaliremo con mezzi pubblici fino ad Altagnana per visitarla. Raggiungeremo poi Pariana seguendo l’antico tracciato, circondati da terrazzamenti e castagneti secolari”.

L’Italia della Biodiversità, della Geologia, dell’Archeologia.

“In Toscana, c’è un sito archeologico unico da vedere – ha continuato Galli - da conoscere. Si trova sull’Appennino Tosco – Emiliano e ci andremo il 31 Maggio.

C’è un bosco nero da vedere. Con i suoi abeti giganti è custode della biodiversità ed è in Veneto

Il suggestivo ed affascinante “bosco nero” di Asiago, in Veneto, con i suoi abeti giganti, è custode di biodiversità e storia dell’Altopiano di Asiago. Ci inoltreremo nell’ambiente naturale. Qualcuno avrà mai sentito parlare della Restera? Si tratta del percorso che si snoda sopra gli argini del fiume Sile e che anticamente veniva usato per trainare, con buoi o cavalli, le barche cariche di merci dalla laguna di Venezia fino alla città di Treviso. Una magnifica opportunità di svago e cultura per scoprire la ricchezza della natura “fuoriporta”.

 

NATURA E GRANDE GUERRA NELLA VAL BRENTA

“Visiteremo alcuni siti della Prima Guerra Mondiale incrociando storia con le testimonianze della Grande Guerra; paesaggi, grazie agli scorci panoramici sul Canale di Brenta. Questo itinerario partirà dalla località Merlo (m 150), nel Canale del Brenta – ha continuato Galli - pochi Km a nord di Bassano del Grappa. Lungo il percorso saranno visibili e visitabili alcune testimonianze della guerra che ha scolpito su queste aspre pareti segni inequivocabili del suo passaggio. La natura fortunatamente ha poi riconquistato tutto e grazie ad alcuni sentieri storici usati nel passato, per l’approvvigionamento della legna in alta quota, è possibile ritornare al punto di partenza utilizzando piccoli tracciati di collegamento.

In Sicilia con gli speleologi la stampa potrà andare alla scoperta delle Grotte D’Acqua

Passeggeremo SUI GESSI E NEI GESSI – a Sant’Angelo Muxaro – Escursione Speleologica – il 2 Giugno.

“Con gli speleologi la grande opportunità di entrare, filmare e vedere una delle più misteriose aree carsiche: Grotte D’Acqua. Con stivali in gomma e caschetto dotato di illuminazione scenderemo in uno dei percorsi speleologici più affascinanti che ci nasconde panorami sotterranei alla Verne. Entreremo in queste pareti di gesso – ha proseguito Galli - ma passeggeremo anche lungo le principali Necropoli situate nei pressi del centro storico. Scenderemo nel ventre della Sicilia.

I borghi della Biodiversità .

“Infatti ci sono in Italia storie che si incrociano, di borghi immersi nella piena biodiversità. E’ il caso di NOTO ANTICA, ma anche di Prizzi sui Monti Sicani e della Rocca di Cefalù. Mercoledì 29 Maggio, al tramonto saremo alla Rocca di Cefalù. Proprio lì c’è un Parco Urbano dove la natura, la storia e la cultura si fondono per dar vita ad un luogo unico e dai panorami mozzafiato. Percorreremo i vicoli ed i sentieri che dal cuore del centro storico di Cefalù condurranno sulla cima della Rocca – ha proseguito Davide Galli -  e al tramonto godremo del magnifico panorama della costa e della cittadina normanna. Un centro storico nel cuore della Biodiversità . Ed ecco il Borgo di Prizzi con le tradizioni – Domenica 2 Giugno sui Monti Sicani

Prizzi è il borgo più alto dei Monti Sicani. Vicoli stretti e ripide scalinate conducono nelle vie che furono di bizantini, arabi e normanni.

Ma anche IL SENTIERO DELL’AQUILA REALE da Petralia Sottana – a Piano Battaglia. In questo angolo meraviglioso dell’Italia c’è la possibilità di assistere da vicino alla nidificazione dell’Aquila Reale. Che emozione in questa Italia! Lungo questo sentiero geologico nel cuore delle Madonie raggiungeremo una casetta da birdwatching posta sull’orlo del canyon di Fosso Canna in direzione della parete rocciosa dove nidifica una coppia di Aquile Reali.

Anche Ustica è tra Terra e Mare – Sabato 1 Giugno – la sua storia geologica

Ustica è circondata ovviamente dal mare ma cammineremo in un boschetto scoprendo la storia geologica e le peculiarità botaniche di questa perla nera del Tirreno.

Trekking nella Valle dell’Alcantara – Sabato 1 Giugno - Bellissimo trekking nel Parco Fluviale dell’Alcantara alla scoperta di un territorio unico, affascinante e molto suggestivo ricco di storia, natura incontaminata, cascate, piccole gole, case rurali e chiese antiche. Si va alla scoperta delle caratteristiche “Forre” conosciute localmente come “Gole” con pareti verticali a strapiombo per decine di metri. Qui risulta evidente come l’incessante scorrere delle acque e la conseguente erosione abbiano portato alla luce il cuore del corpo lavico. Paesaggio geologico assolutamente unico al mondo”.

La Sicilia è una grande fetta di Biodiversità tra Pinete Naturali di Pino Marittimo, leccete incontaminate. Per questo saremo sulla Montagna Grande – Sabato 1 Giugno

In Campania il 1 Giugno TREKKING E PULIZIA DEL SENTIERO DEI TREZENI – BAIA di Trentova

“Sarà una settimana dedicata alla Biodiversità, all’ambiente. Il 1 Giugno, in Campania escursione organizzata unitamente alla Legambiente Stella Maris di Agropoli si svolgerà lungo uno sterrato che collega la Baia di Trentova (Agropoli) con la frazione Lago di Castallebate. Il percorso panoramico è meglio conosciuto con il nome di Sentiero dei Trezeni – ha continuato Galli - durante l’escursione pulizia del Sentiero.

#CamminaNatura: USCITA IN CANOA E PULIZIA DEI FONDALI MARINI – 02.06.2019 – partenza dal porto di Agropoli – immersione dei sub con immagini video in diretta dai fondali marini ed il porto ROMANO

“Il 2 Giugno dal porto di Agropoli uscita in canoa e pulizia dei fondali marini, unitamente alla sezione Legambiente Stella Maris di Agropoli e il supporto di sub specializzati che effettueranno pulizia dei fondali marini nei pressi di Agropoli ma anche riprese uniche dei fondali per offrire l’opportunità di ammirarne la biodiversità . Si proseguirà lungo le coste di Agropoli dando particolare rilievo all’aspetto geologico, visiteremo il porto romano e vedremo le riprese sub, dal vivo, della “Posidonia marina””.

In Emilia – Romagna sulle Casse di Espansione del Po.

Sulle casse di espansione del Po.

In occasione della Festa della Repubblica, il 2 Giugno, in collaborazione con Ecomuseo di Argenta, Comune di Argenta, escursione a piedi lungo gli argini delle Casse di Espansione, Parco del Delta del Po. Ammireremo il torrente dell’Acquacheta. Per conoscere la biodiversità di cui l’Italia è ricca useremo la MTB. Attraverseremo la Valle del Tassaro che conserva quasi intatta la sua rete di antiche vie. Racchiusa tra il Rio Maillo ed il Torrente Enza è attraversata dal Sentiero dei Ducati. Con un inedito percorso ad anello verranno collegati i tanti luoghi di interesse ambientale e storico della zona. Saremo anche nel Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi. Ci sarà una valle tutta da scoprire, quella dell’alto Tramazzo, in un contesto naturale di tutto rispetto. In Emilia – Romagna ci sono faggete secolari e le vedremo partendo dal paesino di Varsi il 1 Giugno.

Nel Lazio – gli antichi mulini ad acqua, la vetta più alta della provincia di Roma, l’itinerario geo – culturale ai Castelli Romani

“Domani nel Lazio uniremo uomini e vulcani. Un itinerario geo-culturale all’interno del Parco Regionale dei Castelli Romani, dove la storia è scandita dai secoli, in un paesaggio modellato dall’uomo e dell’attività eruttiva del Vulcano laziale. Ci avventureremo all’interno di suggestivi anfratti, attraverseremo l’abitato di Nemi e importanti siti naturalistici. Lasciamo che questo luogo ci narri la sua storia – ha proseguito Davide Galli - lasciamo noi stessi “farci paesaggio”. Domani sera poi, vedremo antichi mulini ad acqua e lo faremo al tramonto per dare l’opportunità di far comprendere che l’Italia è il Paese dei colori. C’è il Museo del Fiore nel Lazio e lo vedremo seguendo il sentiero naturale nel cuore della Riserva di Monte Rufeno. Giunti sulle rive del torrente Subissone mangeremo nei pressi del vecchio mulino ad acqua, godendoci il gorgoglìo della corrente e il gracidare delle rane. Aspetteremo il tramonto per rientrare con le prime stelle e terminare con un ottimo gelato e una passeggiata a Torre Alfina. Sarà l’Italia della biodiversità. Ad esempio sempre nel Lazio c’è LA RISERVA NATURALE DELLA MARCIGLIANA sulla Salaria e ci saremo . Il 1 Giugno, invece, escursione al Tramonto sul Monte Autore. Attraversando le classiche radure, i campi carsici e la faggeta del Parco dei Monti Simbruini, arriveremo a Monte Autore, la vetta più alta della provincia di Roma. In un silenzio assoluto da 1885 m. con un panorama a 360° godremo di un tramonto unico! L’arancione all’orizzonte ci farà rimanere a bocca aperta.

La meravigliosa Liguria della biodiversità di notte

“Il 30 Maggio escursione Notturna nel Parco del Ciapà. L’Italia, piena di colori, è bella sempre, anche di notte. Le Guide non si fermano mai e ve la vogliono raccontare anche al calare della sera. Ecco che in Liguria saremo nel Parco del Ciapà. Ad un certo punto dal colore della notte sbucherà uno dei borghi più belli della nostra Italia. Non lo sveliamo ancora – ha concluso Galli - ma saremo immersi nella macchia mediterranea. Saremo anche sul Golfo Dianese dove apprezzare, oltre alle vedute panoramiche sul golfo, un paesaggio agricolo tipico della liguria di ponente: orti, oliveti, vigneti ricchi di colori e profumi tipici della stagione. Al tramonto il Parco delle Cinque Terre con terrazzamenti coltivati a vigneto, e i segreti del suo vino bianco apprezzato in tutto il mondo”.

 

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner