'Marasma', la poesia di Franco Brescia

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images 'Marasma', la poesia di Franco Brescia
Franco Brescia
  14 marzo 2021 13:08

Oscure ombre stillano nell’universo cadente.

Annebbiano, offuscano

Banner

il penetrante luccichio dei possenti lumi largiti dal creato                

Banner

quale

Banner

respiro di eterna leggiadria, di maestosità nell’incanto,

acceso

sull’umanità rigogliosa.

Si stagliano, nell’aria furibonda:

realtà sconvolgenti,

lo smarrimento che origina l’ignoto,

marasma,

il caos ghermente la felicità.

Si sbriciolano convinzioni e certezze.

Imperano forti nullità.

Gl’intensi grovigli spiegano rituali sconvolgenti

invadenti

un mondo sospeso nello scompiglio, nello scotimento.

Così com’è, in tutte le plaghe, sue, quest’universo,

perché,

oltre che afferrato dalla virulenza dell’oggi, vite mietute,

si eterna cosparso

dall’obliquo fermentare di guerre rovinanti,

minacce, terrorismo, ostili tumulti;

dal demone della povertà; 

da logore lotte per sopravvivere;

da instabili società calate in dimensioni inumane.

Scalpita in questo scenario, quindi, il sillabare di sfondi tenebrosi

che

incatenano il tracimare di tristezze in profonde paludi

che

celano lo smaltato gelo

degli animi di uomini esclusi e di rifiuti umani scartati,

delle voragini degli scoraggiati,

dei temi della rassegnazione dei giovani invisibili.

Spazi, comunque sospesi con umanità in movimento, bramosa di vita.

Tra le pieghe del sillabare

ecco, pure,

l’esaltazione di miasma, di logoranti turpitudini,

scatenati

da limosi torrenti d’incarnata immoralità, d’irrimediabile interiorità invasa dal male;

l’invasione

di sete di potere e astuzie oppressive e stravolgenti.

Nulli tutti i valori.

Assenti i rimorsi dell’anima.

Piagato da cocente dolore,

nel turbinio di queste anse,

v’è

il fervere della solitudine dell’uomo globale

inaridito

da delusione e sconforto, dall’inesistenza della felicità.

Spenti il futuro e l’identità.

Forte,

il rovellare dello spirito.

Finirà? 

No.

E’ l’eterno susseguirsi dell’umane vicende.

Lo spazio è nella sospensione.

L’uomo vive e sopravvive

cogl’ineluttabili furori di lotte e di miraggi

rutilanti

nel suo semplice esistere,

nel presente di ieri, dell’oggi e del domani.

E

nel fiorire della speranza.

E

nel respiro delle illusioni.

Tuttavia,

più forte dell’uomo è l’invinta natura, l’incombere del fato.

Oggi,

i feroci sentimenti della rabbia universale e delle brucianti delusioni,

la sdegnosa pratica degli inganni, l’insulto dei sogni.

Ma, più tardi, il venire respirerà cieli sereni.

Pur se,

nel penetrante scenario, lì, gonfi corpi di migranti seminati nei mari.

 

                                                                       franco brescia

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner