Massimo Cotto apre il Magna Graecia Book Festival con il suo “Rock Live” (VIDEO)

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Massimo Cotto apre il Magna Graecia Book Festival con il suo “Rock Live” (VIDEO)
Massimo Cotto
  29 luglio 2019 00:01

di PAOLO CRISTOFARO

CATANZARO LIDO – Chi legge, senza dubbio, lo fa per vivere anche altre vite. Chi legge cerca emozioni, magari emozioni che altri hanno vissuto e che possono far immedesimare, che possono trasportare e accendere l’immaginario collettivo, con le parole e i ricordi di chi le ha provate, che come un combustibile per l’anima alimentano il fuoco della passione, la voglia di andare avanti, di divorare e sfogliare pagina per pagina un libro. Il Magna Graecia Film Festival, una nuova esperienza culturale, apre i battenti con un libro che è essenzialmente questo: il racconto di emozioni vissute. Si chiama “Rock Live”, edito da Mondadori. L’autore è Massimo Cotto, giornalista musicale, speaker radiofonico, disc jockey, grandissimo appassionato di musica e di Rock, voce di Virgin Radio, sulle cui frequenze conduce “Rock and Talk”.

Banner

Il libro racconta le esperienze di Cotto a contatto con i più grandi artisti del panorama musicale mondiale – che ha avuto la fortuna di conoscere e intervistare – e dei momenti vissuti in alcuni dei più leggendari concerti della storia della musica. A dialogare con lui, al tavolo dell’Hotel “Perla del Porto”, oggi a Catanzaro Lido, alle 18, il giornalista Andrea Di Consoli e la giornalista Teresa Pittelli. «La letteratura che parla di spettacolo, di musica, di artisti, è spesso troppo sottovalutata. E la cosa è singolare data l’importanza che la musica, le canzoni e l’arte hanno nella nostra vita» ha esordito Di Consoli in apertura. Poi, invitato dalle domande della Pittelli, Massimo Cotto ha raccontato i momenti più emozionanti della sua vita, in simbiosi con la musica, vissuti vicino a grandissimi artisti: Beatles, Rolling Stones, Frank Sinatra, Patty Smith, Queen, Bruce Springsteen, David Bowie… soltanto alcuni dei nomi di coloro che ha incontrato, conosciuto, frequentato, intervistato.

Banner

Banner

«Mi sono innamorato della ricerca del senso profondo delle canzoni, dei testi, dell’arte e della filosofia racchiuse nella musica. Le canzoni raccontano storie, i concerti raccontano storie. Ogni concerto dei “big” della musica, è un po’ come la creazione di un momento mitico, leggendario, del quale si può dire “Io c’ero”» ha spiegato Cotto. Il giornalista è riuscito, ripercorrendo aneddoti e momenti veri della sua vita, legati a star immense del panorama musicale e a spettacoli entrati realmente nella leggenda, ha fortemente coinvolto il pubblico. Moltissime le domande dalla sala. Anche noi abbiamo avuto modo, a fine incontro, di parlarci in privato.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner