MGFF, “Come un killer sotto il sole”: Bruce Springsteen raccontato da Leonardo Colombati

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images MGFF, “Come un killer sotto il sole”: Bruce Springsteen raccontato da Leonardo Colombati

  30 luglio 2019 23:37

di FRANCESCO IULIANO

Bruce Springsteen raccontato dalla A alla Z. Non solo il musicista ma anche il poeta, lo scrittore. Un’indagine appassionata e rigorosa che rende omaggio all’opera di uno dei più grandi storyteller  del mondo. Il volume, dal titolo “Come un killer sotto il sole”  (Sironi Editore, 604 pagine), di Leonardo Colombati, giornalista e scrittore, è stato presentato ieri pomeriggio nel corso di un incontro allestito nella pineta adiacente il MuMak, il Museo del Mare di Caminia, all’interno del complesso turistico Blanca Cruz di Caminia. Un incontro inserito nel cartellone del Magna Graecia Film Festival che, per questa edizione, ha pensato ad un festival nel festival: il Magna Graecia Book Festival, la prima rassegna letteraria in Italia interamente dedicata al mondo dello spettacolo. A dialogare con l’autore, il giornalista, scrittore critico letterario e direttore artistico del Book Festival,  Andrea Di Consoli. 

Banner

«Colombati – ha detto Andrea Di Consoli – al di là di come la possano pensare altri, è un grande scrittore italiano. Quello che presentiamo oggi è un libro che è qualcosa di incredibile. C’è una introduzione lunga poderosa e ponderosa su questo grande americano. Lo inquadra all’interno di una cultura nazionale che ci fa capire che Colombati è riuscito a parlare di tutto Spingsteen: del grande romanzo americano, della storia dell’America, della società, del rapporto tra poesia e letteratura. Ha scelto, ha tradotto le canzoni più significative di Spingsteen e le ha chiosate, ha fatto una cronologia precisa della vita del cantante. Un romanzo post moderno. Un affresco straordinario di un grande artista».

Banner

Alla domanda se i testi dei cantautori fossero letteratura, l’autore ha risposto dicendo che «nelle scuole e nei dipartimenti delle grandi università si studiano i testi di Dylan e di altri. Alla questione se il testo di una canzone la si possa definire letteratura, dico che se affrontata in Italia dove c’è una tradizione poetica antecedente alla canzone, diversamente da quello accaduto in America, è sicuramente più problematico. Quando si parla di un testo di una canzone, dico che non si possa parlare  di poesia. Se prendiamo il testo di una canzone, si può discutere se si tratti di un testo poetico anche se possiamo tranquillamente dire che il testo di una canzone è un  genere letterario».

Banner

Nel volume, è stato detto, è presente anche una sezione in cui viene raccolta l’intera produzione lirica di Springsteen tradotta dallo stesso Colombati e messa a confronto con le opere della letteratura statunitense.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner