MGFF, è stata la volta del film in concorso "Ride"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images MGFF, è stata la volta del film in concorso "Ride"

  01 agosto 2019 11:23

di CLAUDIA FISCILETTI

"Ride" è un film che offre una riflessione su come si può affrontare l'assenza, la morte di una persona cara. Un mancanza che viene gestita in maniera diversa, a seconda della persona che ne è colpita. Con la regia di Valerio Mastandrea, l'opera è stata proiettata alla serata di ieri del Magna Graecia Film Festival, che continua a regalare soddisfazioni e ad attirare sempre più gente verso l'arte del cinema e del teatro.

Banner

Ospiti della serata proprio il regista, Mastandrea, e il resto del cast, di tutto rispetto, con le protagoniste Chiara Martegiani, Milena Vukotic e Milena Mancini.  Proprio Mastandrea e la Vukotic sono stati premiati da Tommaso Megna con il riconoscimento del maestro Vignaturo.

Banner

Ma questi non sono stati gli unici premi assegnati nel corso della serata. Il giornalista, scrittore e attore Andrea Purgatori proprio ieri ha presentato il suo libro "Quattro piccole ostriche" al Magna Graecia Book Festival ed è stato premiato con il Libro d'Oro. Lo stesso riconoscimento è stato consegnato anche all'attrice e scrittrice Francesca Reggiani che al book festival ha invece presentato "Sono italiana ma voglio smettere".

Banner

Per il suo impegno nel sociale, l'attore Francesco Pannofino ha ricevuto il premio Calabria dedicato al maestro Vittorio De Seta, consegnatogli dal Presidente di Legambiente Catanzaro, Andrea Dominijanni, e dall'attrice Vera Dragone.

Il MGFF ha presentato anche un'altra realtà che arricchisce la terra calabrese, e si tratta della Scuola di recitazione della Calabria, che offre a moltissimi giovani calabresi che vogliono imparare l'arte della recitazione, di poterlo fare nella loro terra senza necessariamente andare via. La Scuola vede anche la coordinazione dell'attore Giorgio Colangeli. Sul palco erano presenti il direttore, Walter Cordopatri, e uno dei docenti, Salvatore Romano.

 

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner