Minacciò pubblici ufficiali, tunisino resta in carcere

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Minacciò pubblici ufficiali, tunisino resta in carcere
La sede della questura
  29 luglio 2019 13:12

Il Giudice del Tribunale di Catanzaro ha convalidato l’arresto ed applicato la misura personale coercitiva della custodia cautelare in carcere per Zarrouki Ahmed, tunisino di 23 anni  che il 22 luglio è stato arrestato dagli agenti della Squadra Volante.     

Il Giudice motiva l’ordinanza perché Zarrouki  con più azioni consecutive del medesimo disegno criminoso, usava minaccia e violenza nei confronti dei pubblici ufficiali, mentre compivano  atti nell’esercizio delle loro funzioni, con l’aggravante di aver commesso il fatto anche con l’uso di armi e cagionando lesioni personali ad uno degli Agenti.

Banner

Essendo concreto ed attuale il pericolo di reiterazione  dei reati le esigenze cautelari sono legittimate dai gravi indizi di colpevolezza a carico dell’arrestato, che è inoltre gravato da molteplici precedenti penali, giudiziari e di polizia anche specifici, e dall’obiettiva pluralità e gravità delle condotte poste in essere.

Banner

È stata in sostanza riconosciuta la pericolosità sociale di Zarrouki Ahmed.

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner