'Ndrangheta al nord. Tre misure interdittive in Brianza

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images 'Ndrangheta al nord. Tre misure interdittive in Brianza
Carabinieri, foto di archivio
  29 dicembre 2020 11:06

Un discopub di Giussano (Monza) è stato chiuso dai carabinieri a seguito di interdittiva antimafia emessa dal Prefetto di Monza e Brianza Patrizia Palmisani nei confronti della società che ne cura la gestione per sospetta infiltrazione mafiosa. A quanto emerso dagli accertamenti dei militari della compagnia di Seregno (Monza), in collaborazione con la Polizia Locale, il 50% delle quote del locale appartengono a Nazareno Stagno, figlio di Antonio Stagno, membro della Locale dell'ndrangheta di Seregno-Giussano e collegata al clan Giampà di Lamezia Terme, oltre che cognato di Rocco Cristello, boss della Locale Lombardia ucciso nel 2008 a Verano Brianza (Monza).

Altri due provvedimenti interdittivi sono stati emessi nei confronti di due società di Seregno e una di Desio (Monza), dedite a diverse attività tra cui la dismissione di autovetture, collegate a Ignazio Marrone, condannato in secondo grado per associazione per delinquere con aggravante del metodo mafioso, sentenza divenuta irrevocabile il 9 luglio scorso.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner